More

    HomeEvidenzaL'Arma dei Carabinieri ha celebrato il 203° anniversario della fondazione

    L’Arma dei Carabinieri ha celebrato il 203° anniversario della fondazione

    Premiati con encomi ed elogi i militari distintisi in particolari operazioni

    Pubblicato il

    Il 5 giugno 2017, a Foggia, all’interno della caserma intitolata al Brigadiere Alfredo Guglielmi, decorato alla memoria con la Medaglia d’Argento al Valore Militare, sede del Comando Provinciale, i Carabinieri hanno celebrato il 203° anniversario della fondazione dell’Arma. La Benemerita, sempre più forte e vitale nello spirito, continua a segnare l’identità nazionale e a costituire il fondamentale baluardo di vicinanza alle esigenze della gente, in Italia e nelle missioni internazionali all’estero. Alla cerimonia presenti le massime Autorità civili, militari e religiose della provincia, nonché le rappresentanze dell’Associazione Nazionale Carabinieri e del Corpo Forestale dello Stato, che è entrato nella grande famiglia dell’Arma, con le sue donne e i suoi uomini, le sue professionalità e le sue antichissime tradizioni. Dopo la rassegna dello schieramento, composto dall’Arma territoriale e dai Reparti Speciali operanti in Capitanata, il Colonnello Marco Aquilio, Comandante Provinciale, ha reso gli onori ai Caduti, commemorato la ricorrenza e consegnato le ricompense ai militari che si sono particolarmente distinti in operazioni di servizio, sia di Polizia Giudiziaria che di soccorso alla popolazione.

    Il Comando Provinciale di Foggia è strutturato su sette Comandi di Compagnia, Foggia, Cerignola, Manfredonia, San Severo, Lucera, San Giovanni Rotondo e Vico del Gargano, da cui dipendono la Tenenza di Vieste e 58 Comandi di Stazione, con una forza complessiva di quasi mille Carabinieri, oggi arricchiti dal comparto dell’Organizzazione per la tutela forestale, ambientale e agroalimentare, forte di un Comando di Gruppo, con 16 Stazioni, un coordinamento Territoriale Carabinieri per l’Ambiente, con altre 8 Stazioni, e un Ufficio Territoriale Carabinieri per la Biodiversità, con 3 Posti Fissi. Carabinieri che ancora una volta si sono dimostrati essere la più preziosa delle risorse. Forti di presupposti etici e morali e di un radicato senso della disciplina, essi esprimono i sentimenti indissolubili di appartenenza e di solidarietà propri dell’Istituzione. Grazie al loro quotidiano impegno, spinto talvolta anche al supremo sacrificio, l’Arma può contare su un sistema integrato di di presidio del territorio, di recente incrementato grazie a un mirato programma di recupero di risorse umane. La risposta dell’Arma continuerà a svilupparsi, in particolare nel contrasto alla criminalità organizzata, ai reati contro il patrimonio allo smercio di droga e a tutti i fenomeni criminali che indubbiamente destano allarme.

    Nelle numerose operazioni di servizio condotte nel corso degli ultimi dodici mesi, in totale sinergia con tutte le altre Forze dell’Ordine, l’Arma di Foggia si è impegnata per mantenere alti, vivi e forti i principi di libertà, giustizia e rispetto delle regole del vivere civile, operando in un contesto sociale particolarmente sensibile al ripristino dei valori di legalità e sicurezza. Concetto di sicurezza che viene applicato nella sua accezione moderna, che tiene conto di fattori che caratterizzano una migliore qualità della vita nel suo complesso. E’ verosimilmente questa la ragione per la quale i più che positivi dati sull’andamento della delittuosità non sembrano talvolta trovare speculare rispondenza sulla percezione della sicurezza, che differenzia da Regione a Regione, da comunità a comunità.

    I Carabinieri di Capitanata in questo anno, durante il sistematico controllo del territorio, hanno svolto circa 57.000 servizi esterni, hanno segnalato all’Autorità Giudiziaria 4.051 persone ed effettuato più di 1.607 arresti, e, con specifico riferimento all’attività antidroga, hanno sequestrato 7.475 chilogrammi di sostanze stupefacenti, per un valore complessivo, stimato sulla base delle tabelle ministeriali, di oltre trenta milioni di Euro.

    I significativi risultati conseguiti sono il frutto del generoso lavoro di tutti i Carabinieri del Comando Provinciale di Foggia, e testimoniano la piena e attuale idoneità del modello organizzativo che, pur mantenendo sempre alta l’attenzione ai maggiori fenomeni criminali, e la recentissima istituzione del Nucleo Anticrimine del R.O.S. e la ridislocazione delle Compagnie di Intervento Operativo sui comuni di Vieste e San Severo ne sono un chiaro esempio di preveggente volontà, rimane incentrato sull’efficace strumento della Stazione Carabinieri, interfaccia con il territorio, vera e propria fonte di “rassicurazione sociale” e prezioso “patrimonio” delle comunità.

    GLI ENCOMI E L’ELENCO DEI PREMIATI

    ENCOMIO SEMPLICE

     

      1 OPERAZIONE  

    OMICIDIO A SEGUITO DI RAPINA IN ABITAZIONE

        PREMIANDO   1. CAP. MASSARO MICHELE
          C.TE COMPAGNIA CARABINIERI CERIGNOLA
      TRIBUTATO DA  

    GEN.B. ANDREA RISPOLI, COMANDANTE LEGIONE CARABINIERI CALABRIA

      MOTIVAZIONE:  

    Comandante di Nucleo Operativo e Radiomobile di Compagnia  capoluogo, evidenziando competenza e professionalità, dirigeva, partecipandovi personalmente,  attività d’indagine in occasione di efferato omicidio di anziana donna a seguito di rapina in abitazione nel centro cittadino, che, in un breve lasso di tempo, consentiva di ricostruire la dinamica degli eventi, identificando, localizzando e, infine, traendo in arresto il responsabile con il recupero dell’intera refurtiva”

    Catanzaro, 23 agosto 2015

      2 OPERAZIONE   SEQUESTRO INGENTE QUANTITATIVO SOSTANZA STUPEFACENTE
        PREMIANDI  
    1. LGT GIACCOLI SALVATORE

    2. APS GIANCATERINA SERGIO;

    3. CRS PETRICCIUOLO LUCA

          STAZIONE CARABINIERI CERIGNOLA
      TRIBUTATO DA  

    GEN.B. GIOVANNI CATALDO, COMANDANTE LEGIONE CARABINIERI PUGLIA

      MOTIVAZIONE:  

    Comandante e addetti di Stazione Capoluogo, operante in territorio ad alto indice di criminalità, evidenziando spiccato intuito investigativo, alto senso del dovere e non comune spirito di sacrificio, partecipavano ad articolata attività investigativa finalizzata al contrasto del fenomeno del traffico di sostanze stupefacenti, che si concludeva con l’arresto, in flagranza di reato, di 9 persone in sei distinte operazioni di servizio, responsabili di produzione di ingenti quantità di stupefacenti del tipo “Marjuana” con il sequestro complessivo di circa 4.700 piante per un totale di Kg. 11.439 e di kg. 42.7 della medesima sostanza pronta per lo smercio”

    Cerignola (FG), luglio-ottobre 2016

     

      3 OPERAZIONE   OMICIDIO CARAFA
        PREMIANDI   1. MASUPS PETRILLI FRANCO

    2. VBR CATALANO ANTONIO;

    3. VBR RENDINE ANGELO;

    4. APS DE SANTIS FRANCESCO;

    5. APP. ANTICO ARCANGELO;

    6. APP. VILLAMAINA CARMINE

         

    NUCLEO INVESTIGATIVO SEDE- NOR AL.R.LE CP SAN SEVERO

      TRIBUTATO DA  

    GEN.B. GIOVANNI CATALDO, COMANDANTE LEGIONE CARABINIERI PUGLIA

      MOTIVAZIONE:  

    Addetti a Nucleo Investigativo di Comando Provinciale e Nucleo Operativo e Radiomobile di Compagnia distaccata operanti in territorio caratterizzato da elevato indice di criminalità, evidenziando spiccato intuito investigativo, alto senso del dovere e non comune spirito di sacrificio, offrivano determinante contributo a complesse e prolungate indagini che consentivano di individuare l’autore di efferato omicidio conseguente a rapina aggravata in abitazione.

    Provincia di Foggia, 14  febbraio-3 marzo 2016

     

      4 OPERAZIONE   ARRESTI SODALIZIO CRIMINALE
        PREMIANDO  
    1. MAR.CA. IMBRIANI PARIDE
     
         

    SEZIONE PG CC PRESSO PROCURA DELLA REPUBBLICA FOGGIA

     
      TRIBUTATO DA  

    GEN.B. ANDREA RISPOLI, COMANDANTE LEGIONE CARABINIERI CALABRIA

     
      MOTIVAZIONE:  

    Addetto a Nucleo Investigativo in territorio ad alto indice di criminalità, evidenziando spiccate doti professionali, perseverante impegno ed elevato spirito di servizio, forniva determinante contributo a complessa e delicata indagine nei confronti di pericoloso ed agguerrito sodalizio criminale, che consentiva l’emissione di 18 provvedimenti restrittivi per i reati di associazione per delinquere, tentato omicidio, rapine e furti, nonché concernenti armi e stupefacenti.

    Provincia di Crotone, giugno-dicembre 2010.

     
    </