More

    HomeNotizieCronacaMaltrattava la moglie e deteneva illegalmente armi e munizioni: in carcere incensurato

    Maltrattava la moglie e deteneva illegalmente armi e munizioni: in carcere incensurato

    Pubblicato il

    Nei giorni scorsi, i militari dell’Aliquota Radiomobile del NORM della Compagnia Carabinieri di Cerignola hanno tratto in arresto DITOMA ANTONIO, cl. 68, incensurato cerignolano.

    In particolare, i Carabinieri sono intervenuti presso l’abitazione del Ditoma dopo che la moglie, in preda al panico, aveva chiamato il 112 dicendo che il marito la stava picchiando. Immediatamente giunti sul posto, i militari, esperite le opportune indagini, hanno constatato la veridicità del racconto della donna oltre che l’abitualità dei comportamenti violenti dell’uomo nei suoi confronti. Da accertamenti, i militari hanno appurato che alla madre dell’uomo, ormai defunta, era intestato un fucile da caccia, ereditato dal marito, il cui possesso l’interessato non aveva mai regolarizzato. Si è dunque deciso di procedere ad un’accurata perquisizione della casa, a seguito della quale non solo si trovato il fucile, detenuto quindi illegalmente, ma si è scoperta anche una pistola semiautomatica calibro 7,65, completa di caricatore e munizioni, oggetto di un furto commesso a Foggia nel 1993.

    L’uomo, che ora dovrà rispondere oltre che di maltrattamenti in famiglia anche di detenzione abusiva di armi e munizioni e ricettazione, su disposizione del P.M. di turno è stato rinchiuso nel carcere di Foggia.

    Questo slideshow richiede JavaScript.

    1 COMMENT