More

    HomeEvidenzaPd dopo il congresso. Prima riunione a "pesci in faccia"

    Pd dopo il congresso. Prima riunione a “pesci in faccia”

    La prima riunione di direttivo si trasforma in un turbolento terzo tempo

    Pubblicato il

    Dopo il giorno del congresso, il 21 ottobre scorso, non si erano più incontrati gli ex-compagni (ed ex-amici) un tempo uniti in ogni battaglia. Qualche saluto fugace in sezione ma mai faccia a faccia tra i 18 della Ditommaso e i 17 di Sgarro, più i consiglieri (divisi). Ieri 8 novembre la riunione di direttivo in via Mameli diventa, da momento programmatico, occasione per vomitarsi addosso quel che in molti già sui social si sono detti, senza censura alcuna. Sabina Ditommaso, nuovo segretario dem, illustra la sua linea in un clima apparentemente normale. Qualche intervento scomposto tra i tanti pacati, ma normale dialettica. Almeno finché non arriva il turno di parola per Nicola Giordano e delle vecchie ruggini pre congresso (era stato proprio Giordano a trattare con Sgarro la possibile exit strategy che prevedeva in cambio della maggioranza in direttivo al gruppo Ditommaso, la riconferma del segretario Sgarro, soluzione non accettata da quest’ultimo, ndr).

    In un botta e risposta tra lo stesso Giordano e Tommaso Sgarro, il primo ricostruisce le fasi della spaccatura e arriva al «raccontiamo tutto ciò che è avvenuto nei dettagli facendo i nomi»; Sgarro accetta la sfida, «da oggi allora facciamo i nomi». Il dialogo a due, domanda e risposta, innervosisce Giordano che si avvicina minacciosamente – secondo quanto riferito dai presenti – a Sgarro. Bagarre e urla, con insulti annessi tra i presenti: gli uomini di Sgarro abbandonano il direttivo «non essendoci più le condizioni per un democratico confronto tra le anime di questo partito» dicono. Un primo incontro che finisce a “pesci in faccia”, in un clima in cui i “nuovi emilianos” plaudono, negli interventi assembleari, da un lato all’odierna gestione sanitaria e dall’altro all’auspicata costruzione di ponti istituzionali: “autorevoli” interventi che non stemperano per nulla gli animi ancora caldi del congresso, che, a dirla tutta, pare esser terminato non sabato 21 ma ieri sera, dopo un turbolento terzo tempo.

    13 COMMENTS