More

    HomeEvidenzaRaccolta rifiuti, ecco i nuovi mezzi per migliorare il servizio in città

    Raccolta rifiuti, ecco i nuovi mezzi per migliorare il servizio in città

    Lionetti: «in servizio nuovi compattatori e spazzatrici». L'obiettivo è quello di rendere più regolare la rimozione delle immondizie in alcuni rioni, in attesa dell'avvio della differenziata

    Pubblicato il

    «Stiamo lavorando per una città più pulita, migliorando alcuni aspetti in tema di raccolta rifiuti e pulizia strade». Con queste parole l’assessore all’ambiente del comune di Cerignola Antonio Lionetti spiega, intervistato sul tema, le iniziative che l’amministrazione ha intenzione di mettere in campo sul fronte rifiuti e raccolta.

    «Da lunedì 21 sono a lavoro in città nuovi mezzi la cui opera è finalizzata al miglioramento del servizio. Si tratta di due compattatori, due mono operatrici, due spazzatrici e una lava strada, dedicate esclusivamente a Cerignola». Le criticità in tema di raccolta, spesso a singhiozzo, e di mancata pulizia delle strade a causa della scarsa presenza di mezzi e mal funzionanti, viene così contrastata dall’arrivo di nuovi mezzi, a noleggio, che saranno all’opera per alcuni mesi. «L’avvio di operazioni di miglioramento del servizio – spiega Lionetti – deriva innanzitutto da un’esigenza esposta a più riprese dai cittadini e poi dalla volontà precisa della governance di SIA di rendere migliori i propri servizi».

    Un impegno, quello del miglioramento del servizio, che rinviene anche dai nuovi contratti di ARO? «Assolutamente si – dice l’assessore -. Era questo anche un tema che il presidente del consorzio Franco Metta aveva esposto ai comuni quando si è parlato dei nuovi contratti. Pian piano il servizio migliorerà e a tal proposito non mi stancherò mai di chiedere ai cittadini una maggiore collaborazione e attenzione ai temi ambientali».

    Contestualmente, proprio i nuovi contratti insistono sulla raccolta differenziata, a Cerignola pressoché inesistente. Un neo sul quale Lionetti dice la sua: «il nuovo contratto firmato dal comune di Cerignola prevede già attività di raccolta differenziata. Tuttavia aggiungo che proprio i quasi 900mila euro in arrivo al Comune di Cerignola dalla regione saranno utilizzati per l’avvio della raccolta porta a porta. Nello specifico mezzi, materiale e tutto quanto necessario a dare il via per circa 5000 utenze cittadine».

    Cerignola è infatti un caso unico, avendo percentuali bassissime di raccolta differenziata e non avendo mai, a parte alcune sperimentazioni durante l’amministrazione Giannatempo nei quartieri Terra Vecchia e Fornaci, attivato un progetto organico sull’intera città. I numeri di San Ferdinando o Trinitapoli – di molto oltre il 50% – sono per Cerignola obiettivo difficilmente raggiungibile in tempi brevi. «Contiamo di dare il via alla raccolta differenziata quanto prima, è stato un mio impegno personale in campagna elettorale oltre che un tema da me molto sentito ma anche da tutta l’amministrazione. Entro fine anno – chiosa il delegato all’ambiente – partirà la differenziata in città e mi auguro che dalle 5000 utenze circa di partenza si possa estendere all’intero agglomerato urbano».

    Gennaro Balzano
    La Gazzetta del Mezzogiorno