More

    HomeNotiziePoliticaRifugiati, migranti e pace, Pezzano: «Temi fondamentali, bisogna agire con unità di...

    Rifugiati, migranti e pace, Pezzano: «Temi fondamentali, bisogna agire con unità di intenti»

    Pubblicato il

    “Ci apprestiamo a vivere dei giorni davvero importanti per la nostra comunità, che in questo primo scorcio di 2017 si soffermerà a riflettere con insistenza sui tema dell’accoglienza, dell’accettazione, della pace”. Così il Vicesindaco di Cerignola con delega alle Politiche Sociali, Rino Pezzano, in merito agli appuntamenti in programma nei prossimi giorni nella città ofantina.

    Domenica 15 gennaio, infatti, si celebra la Giornata mondiale del Rifugiato e del Migrante. Già ieri sera si è svolto un evento della Diocesi Cerignola-Ascoli Satriano, che ha gettato luce sulla condizione dei minori che sbarcano in Europa e sull’iter per regolarizzare la loro permanenza nello Stato d’approdo. “E’ importante parlarne – afferma Pezzano – ma anche ascoltare. Molto toccanti, infatti, sono stati i racconti di due testimoni che, dopo anni difficili, sono riusciti a realizzarsi nel proprio lavoro e nella comunità in cui vivono. Un grande esempio di integrazione e solidarietà che contraddistingue il nostro territorio. Per dare un ulteriore risposta ai bisogni di coloro che arrivano nella nostra città – aggiunge – è volontà dell’amministrazione istituire uno sportello dell’immigrazione, che funga da supporto costante alle molteplici esigenze degli immigrati presenti nella nostra collettività”.

    Per sabato 21 gennaio, invece, a Cerignola è prevista la ‘Marcia della Pace’. “Sarà un momento di forte comunione e unione – conferma il Vicesindaco –  perché rispetto a questi temi non esiste nessun colore politico, nessuna distinzione di pensiero, razziale o religiosa”. Infine, una menzione particolare per Mons. Nunzio Galantino, cerignolano, presidente della Cei, che nelle ultime ore è stato promotore di un accordo tra la Chiesa e lo Stato e ha firmato un protocollo per la creazione di corridoi umanitari in favore degli abitanti del Corno d’Africa. “Un grande esempio di sensibilità e laboriosità per tutti noi – conclude Pezzano –, perché oltre ai principi e ai valori, l’azione di Mons. Galantino ha dato forma a dei contenuti specifici  e concreti che aiuteranno circa 500 persone africane in difficoltà”.