More

    HomeEvidenzaScuola Carducci, Lepore: «oltre 5 milioni per il recupero dell'intero immobile»

    Scuola Carducci, Lepore: «oltre 5 milioni per il recupero dell’intero immobile»

    Pubblicato il

    Ristrutturare e rendere agibile la Scuola Elementare “G. Carducci” richiede uno sforzo economico non indifferente da parte dell’Amministrazione Comunale che, oltre al finanziamento aggiudicatasi per avviare i lavori, dovrà investire altre somme utili a raggiungere l’obiettivo.

    «La Scuola Elementare “G. Carducci” rappresenta il primo riferimento scolastico, culturale, educativo, storico della nostra comunità – dichiara l’avv. Loredana Lepore, Capogruppo Consiliare del gruppo di maggioranza “La Cicogna” –  che occorre recuperare perché ritorni a rappresentare, in tutto il  suo splendore, il principio di quella che fu e continua ad essere la formazione dei nostri bambini. Al momento si stanno eseguendo lavori per un ammontare di circa 130 mila euro mentre siamo in attesa che siano erogati i 700 mila euro del finanziamento a noi spettante per continuare l’opera. Perché la scuola sia effettivamente rimessa a nuovo e resa agibile e sicura, occorrerà spendere un ulteriore somma di circa 4 Milioni e mezzo di euro. Questa somma la si recupererà partecipando ad un ulteriore bando al quale, però, occorre un cofinanziamento da parte del Comune di Cerignola per un importo pari a circa 1 milione e 300 mila euro. Il progetto è stato presentato e, con enorme soddisfazione e orgoglio, possiamo oggi affermare che il cofinanziamento del nostro Comune è garantito mediante mutuo. Sicuramente per tutto il 2018 la scuola sarà cantierizzata sotto il diretto controllo della Sovraintendenza ai beni artistici e culturali vista l’importanza storica dell’immobile. L’Assessore ai Lavori Pubblici e Urbanistica arch. Tommaso Bufano, con il supporto del Sindaco Metta al quale riponiamo sempre la nostra fiducia visti gli enormi risultati prodotti in questi due anni e mezzo, ha lavorato egregiamente affinché la scuola elementare “G. Carducci” possa essere oggetto di lavori di adeguamento sismico, antincendio, energetico. Il più antico e rappresentativo Istituto Scolastico della nostra città tornerà ad essere vivo nell’educazione alla cultura».