More

    HomeNotiziePoliticaServizio Civile Nazionale, a breve altri due progetti approvati dalla Regione

    Servizio Civile Nazionale, a breve altri due progetti approvati dalla Regione

    Pubblicato il

    Alla fine dello scorso aprile si concludevano le selezioni di dodici volontari del progetto ‘Se tutti i ragazzi del mondo si dessero una mano…’ e già gli uffici del secondo piano di Palazzo di Città mettevano in cantiere altri due progetti: ‘Educando’ e ‘Integrazione e Inclusione, una sfida possibile’. E’ notizia ufficiale di questa mattina l’approvazione definitiva da parte della Regione Puglia delle due misure. L’assessore alle Politiche Sociali, Rino Pezzano, accoglie con entusiasmo la notizia: “È stato premiato ancora una volta il lavoro dei Servizi Sociali, frutto dell’operato della dott.ssa Laura Gallucci, perseguendo così la realizzazione permanente dello Sportello del Servizio Civile”.

    I due progetti prevedono il coinvolgimento rispettivamente di dodici e quattro volontari di età compresa tra i diciotto e i ventotto anni; il secondo, in particolare, è destinato a ragazzi disabili che hanno concluso il ciclo della scuola secondaria di secondo grado, conseguendo il relativo diploma, e che si trovano in una situazione di stallo professionale per mancanza di opportunità lavorative: a loro viene offerta l’opportunità di acquisire ulteriori competenze ai fini dell’autonomia e dell’autodeterminazione. Per Pezzano “si arricchisce l’offerta formativa per i più giovani. Le mie congratulazioni per il lavoro svolto vanno in particolar modo alla dott.ssa Gallucci. L’impegno e la determinazione – sottolinea l’Assessore alle Politiche Sociali –  di questa amministrazione comincia a dare i suoi primi brillanti risultati in tema di Servizi Sociali”. Nelle prossime settimane verranno pubblicati i relativi bandi contenenti tutte le informazioni necessarie per gli interessati.

    4 COMMENTS

    1. Gentilmente sostituite la foto che ritrae questo voltagabbana con n altra piu’ decente e consona soprattutto all’articolo in questione .
      Un po di decenza su’ dai