More

    HomeEvidenzaVenerdì consiglio comunale. Torna la protesta con sit-in per salvare la Scuola...

    Venerdì consiglio comunale. Torna la protesta con sit-in per salvare la Scuola Agraria

    Pubblicato il

    E’ stato convocato per venerdì 29 settembre alle ore 16,30 il consiglio comunale in seduta straordinaria con sei punti all’ordine del giorno; in caso la stessa sarà aggiornata a sabato 30 alle 19,30.
    Oltre le comunicazioni e le approvazioni dei verbali delle sedute precedenti ci saranno quale terzo punto all’ordine le interrogazioni, quasi tutte a firma dell’opposizione. Quarto punto la sostituzione di componente per la commissione per la formazione e l’aggiornamento degli albi dei Giudici Popolari. Quinto punto la revisione straordinaria delle partecipazioni ex-art. 24 del D.Lgs. n. 175 e a seguire il riconoscimento della legittimità dei debiti fuori bilancio ex art. 194. In ultimo la ratifica della variazione al bilancio di previsione finanziario 2017-2019.

    Un consiglio comunale che, a parte le interrogazioni, darà poco spazio alla discussione, trattandosi quasi esclusivamente di punti tecnici. Tuttavia la prima assise post-vacanze si annuncia nuovamente tesa sulla falsa riga delle ultime adunanze. Si sta infatti organizzando un sit-in all’ingresso del Comune di Cerignola con striscioni a difesa della Scuola Agraria. L’invito dei cittadini scesi in campo da mesi a difesa dell’istituto è quello di partecipare numerosi. Dal canto suo l’amministrazione comunale nella persona del Sindaco difende la bontà del progetto – l’alienazione di alcuni suoli della scuola per costruirci un Palazzetto dello Sport -, nonostante proprio in questi giorni sono state presentante nei due rami del Parlamento due interrogazioni al Ministro dell’Istruzione Fedeli.

    Una contestazione che arriva nel momento in cui il problema della “puzza” è archiviato, come archiviati sono i venti di crisi estivi targati Federazioni Civica. Cadute nel dimenticatoio le polemiche, i federati sono tornati nei ranghi confermando un “interessato” tira e molla. Un consiglio breve, proteste permettendo, ma presumibilmente non parco di sorprese.

    Gennaro Balzano
    La Gazzetta del Mezzogiorno