Sportweb
pub_728_90

Una città a misura di bambino è possibile. Ecco il diritto al gioco Andrea Mori

i più letti

Cerignola, tre arresti dei Carabinieri: eseguiti provvedimenti restrittivi per condanne da scontare

Nei giorni scorsi i carabinieri della Compagnia di Cerignola hanno eseguito sei provvedimenti restrittivi emessi dall’Autorità Giudiziaria nei confronti...

Scende dalla macchina e viene gambizzato. Vittima un 44enne demolitore di Cerignola

E’ rimasto ferito nella mattinata di ieri un 44enne del posto, raggiunto da un colpo di pistola al polpaccio....

Dopo lo scioglimento per mafia, Rino Pezzano vuole candidarsi alla regione

Dopo lo scioglimento e il successivo commissariamento per infiltrazioni mafiose è partita - già da diversi mesi - la...

Si è tenuto presso il salone della parrocchia “SS Crocifisso” l’incontro dedicato al diritto al gioco, dibattito che segna il momento conclusivo della manifestazione “A braccia aperte”. Ad affrontare il tema è stato Andrea Mori – fondatore della cooperativa sociale “Progetto Città”  di Bari che dal 1980 si occupa di rendere le città sostenibili per chi non ha voce in capitolo, bambini in primis, realizzando progetti che si realizzano nelle scuole, per strada e negli ospedali – il quale, racconta egli stesso alla platea di operatori del settore e semplici curiosi, ha iniziato ad occuparsi di bambini e ragazzi “abbandonando l’università a pochissimi esami dalla laurea, buttandomi letteralmente dalla finestra”.

Come ha spiegato Mori ai nostri microfoni, c’è una stretta correlazione tra il diritto al gioco e quelli di cittadinanza: “E’ un diritto fondamentale per lo sviluppo e la crescita dei bambini e dei ragazzi, un esercizio indispensabile dei diritti di cittadinanza che si esercita quando una città permette alle nuove generazioni che vivono gli spazi di essere a tutti gli effetti dei cittadini che trovano nel gioco il proprio percorso di maturazione”.

Con quali modalità può relizzarsi questo esercizio è lo stesso Mori a spiegarcelo: “Il gioco è una straordinaria esperienza di apprendimento che consente di comprendere anche regole di comportamento oltre ad essere un’opportunità per  imparare a vivere la città. Così come se il gioco viene giocato male o il diritto al gioco diventa un privilegio si toglie qualcosa di fondamentale– prosegue Mori – se si toglie ai cittadini il diritto di vivere pienamente quello che la città  offre loro c’è il rischio che nasca malcontento e sfiducia collettiva”.

Nella due giorni di “A braccia aperte” Cerignola ha avuto il merito di aver restituito i suoi spazi ai più piccoli ma, secondo Andrea Mori, è necessario che si avviino politiche stabili non estemporanee su questo indirizzo: “Credo che questo meccanismo debba partire dalla volontà delle istituzioni di trovare una virtuosità di relazioni che permetta di rianimare spazi urbani abbandonati o male utilizzati. Se si effettua un recupero del genere si stroncano patologie sociali e si migliora la qualità della vita”.

E un esempio di politiche condivise in questo ambito esiste già: si tratta del “Manifesto delle città in gioco” “sottoscritto da alcuni comuni (tra cui Udine e Torino n.d.r.)che si sono impegnate èer fare in modo che il gioco possa essere inserito ogni volta nelle politiche cittadine. Penso sia queste l’obiettivo che noi operatori, amministratori, educatori e genitori dobbiamo perseguire”.

il_segno
Oropoint_300_250
Ultimi Spazi
OSS_300_250
Cala la pasta

Ultim'ora

Infertilità femminile: al “Tatarella” di Cerignola nuove tecniche diagnostiche

Le coppie con problemi di sterilità oggi hanno una opportunità in più di diagnosi. È la Sonoisterosalpingografia (SHSG). Unico centro...

Cerignola e i due volti della Giornata della Memoria

Cerignola rivive anche nella Giornata della Memoria, ieri 27 gennaio, le sue contraddizioni. Una città dai due volti, che ha raccontato due storie diverse,...

Memoria e impegno per la legalità, appuntamento a Cerignola con Pinuccio Fazio

Si terrà a Palermo, il prossimo 21 marzo, la XXV edizione della Giornata della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie,...

In Capitanata «il pericolo vero è la borghesia mafiosa»

La quarta mafia nelle sue articolazioni (Società, mafia garganica e mafia cerignolana) e poi quella zona grigia che si innerva intorno a malaffare professioni,...

Dopo lo scioglimento per mafia, Rino Pezzano vuole candidarsi alla regione

Dopo lo scioglimento e il successivo commissariamento per infiltrazioni mafiose è partita - già da diversi mesi - la ricollocazione di alcuni membri di...