lunedì, 24 Febbraio - 02:24
pub_728_90
Sportweb

Pd: «Dalla regione Puglia 1 mln di euro per evitare il disastro ambientale del V lotto»

i più letti

Baresi e leccesi: scontro tra tifoserie sulla A16 all’altezza di Cerignola

In tarda mattinata, lungo l’autostrada A16 Canosa-Napoli, si è registrato uno scontro tra tifoserie. Al km 154 alcuni tifosi del...

Coronavirus, task force in Puglia. Oltre 130 casi in Italia, Casa Sollievo chiude alle visite

Sul fronte Coronavirus anche la Puglia corre ai ripari e annuncia una nuova riunione della task force regionale ad inizio...

Fermato con 50 grammi di cocaina sulla ss 89: scatta l’arresto per un 25enne di Cerignola

Il robusto servizio dell’altro ieri, svolto tra Monte Sant’Angelo e Manfredonia, finalizzato a reprimere lo spaccio di sostanze stupefacenti...

“La Giunta Regionale di ieri ha deliberato lo stanziamento di 1 milione di euro per intervenire immediatamente per la messa in sicurezza della discarica Forcone-Cafiero e, specificatamente, del V lotto di discarica, dove il percolato ha superato di oltre 12 metri il livello massimo consentito comportando – qualora non si fosse intervenuti – «una imminente ed irreparabile situazione di gravissimo danno ambientale» come l’hanno definita i carabinieri del NOE”, fanno sapere in una nota stampa la segreteria cittadina e i consiglieri del Partito Democratico.

“La Regione Puglia è dovuta intervenire dopo due anni di diffide da parte dei Carabinieri, dell’ARPA, della Sezione Autorizzazioni Ambientali dell’Amministrazione Regionale e di tutti gli organi preposti, rivolte al Comune di Cerignola, al Consorzio Bacino FG 4 e al Gestore SIA, colpevoli di non intervenire ad estrarre e smaltire il percolato presente. Infatti, come dice la delibera, «considerato il ruolo istituzionale dell’Amministrazione Comunale, quale PRIMO SOGGETTO PUBBLICO deputato ad intervenire in condizioni di grave rischio per la salute e per l’ambiente, utilizzando le proprie risorse, come da articolo 119 della Costituzione Italiana, e rilevata la GRAVE INERZIA del Comune di Cerignola, autorità sanitaria locale competente, nell’eseguire le necessarie operazioni di gestione del percolato del V lotto di discarica e scongiurare le gravissime conseguenze ambientali connesse», è dovuta intervenire la Regione Puglia per evitare il disastro ambientale e sanitario a cui eravamo prossimi”.

“La legge obbliga la Regione Puglia ad attivare le procedure di risarcimento e recupero di questo milione di euro ai soggetti responsabili del mancato intervento. In estrema sintesi – fanno sapere dal PD cittadino – grazie a questo intervento risolviamo l’emergenza del V lotto e le relative ed enormi conseguenze sanitarie, come l’inquinamento ambientale e il proliferare di malattie, ma il costo di questa mala gestione da parte del Sindaco e Presidente del Consorzio Franco Metta e della sua Giunta peserà, inevitabilmente e ancora una volta, nelle tasche dei cittadini cerignolani”.

il_segno
Oropoint_300_250
Ultimi Spazi
OSS_300_250
Cala la pasta

Ultim'ora

Quattro reti al Sorrento, il Cerignola continua nella rimonta: sognare si può

Con un primo tempo fantastico, il Cerignola supera il Sorrento (4-2), anche se nella ripresa l'Audace concede qualcosina di...

Baresi e leccesi: scontro tra tifoserie sulla A16 all’altezza di Cerignola

In tarda mattinata, lungo l’autostrada A16 Canosa-Napoli, si è registrato uno scontro tra tifoserie. Al km 154 alcuni tifosi del Bari avrebbero aspettato il passaggio...

Coronavirus, task force in Puglia. Oltre 130 casi in Italia, Casa Sollievo chiude alle visite

Sul fronte Coronavirus anche la Puglia corre ai ripari e annuncia una nuova riunione della task force regionale ad inizio settimana. SI intensificano i controlli...

Raffica di controlli e contravvenzioni a Cerignola per automobilisti indisciplinati

Oltre 70 conducenti e 40 veicoli controllati in tre ore ieri mattina a Cerignola e ben 36 contravvenzioni elevate per altrettante infrazioni al Codice...

Fermato con 50 grammi di cocaina sulla ss 89: scatta l’arresto per un 25enne di Cerignola

Il robusto servizio dell’altro ieri, svolto tra Monte Sant’Angelo e Manfredonia, finalizzato a reprimere lo spaccio di sostanze stupefacenti e a controllare in maniera...