pub_728_90
Sportweb

Rifiuti, individuate aziende non autorizzate a svolgere i servizi

Laveco e Mondoservice pronte a dimostrare le proprie ragioni. Nel provvedimento dei Carabinieri si prevede lo stop a partire da domenica

i più letti

Via Nizza al collasso, urge intervento sulla viabilità

Non serve una grande intelligenza e neppure un pensiero particolarmente raffinato per comprendere - già prima - che un...

Polizia arresta giovane cerignolano per tentato furto d’auto

Nella giornata di ieri 8 dicembre u.s., Agenti della Polizia di Stato del Commissariato di P. S. di Cerignola,...

Nuovo appuntamento con la Scuola di Formazione Socio Politica “Giorgio La Pira”

Si terrà sabato, 14 dicembre 2019, con inizio alle ore 16, nel Salone “Giovanni Paolo II” della Curia Vescovile...

Nell’individuare le aziende per supportare i servizi di raccolta e spazzamento delle strade il Comune di Cerignola avrebbe affidato il servizio ad aziende prive delle opportune autorizzazioni a svolgere determinati servizi. Un provvedimento – secondo quanto riportato sulle pagine odierne de La Gazzetta del Mezzogiorno – che riguarderebbe due aziende cerignolane, la Laveco e la Mondoservice.

Sarebbe stato infatti notificato un provvedimento dai Carabinieri di Cerignola alle aziende interessate – Laveco e Mondoservice – e al dirigente del settore, ing. Clorindo Izzillo, oltre che trasmesso alla Procura della Repubblica. Una questione che riguarderebbe più gli uffici comunali preposti che le aziende. Infatti – si legge sul quotidiano – è stato chiesto «al Comune di Cerignola di individuare nuove aziende».

Per la Laveco non sarebbe possibile effettuare il servizio per una questione riguardante la tipologia di autorizzazione, mentre per la Mondoservice alcuni servizi affidati alla coop cerignolana sarebbero equiparati alla movimentazione di rifiuti solidi urbani e mancherebbe l’autorizzazione. Entrambe le aziende potranno secondo l’atto svolgere il servizio al massimo fino a domenica, poi ci sarebbe lo stop. Tuttavia gli uffici legali delle due imprese stanno lavorando per dimostrare le proprie ragioni agli inquirenti, fiduciosi che si farà presto chiarezza sulla questione. Nessuna reazione invece si registra da Palazzo di Città, che non ha emesso alcun avvio all’indirizzo delle aziende interessate.

il_segno
Oropoint_300_250
Ultimi Spazi
OSS_300_250
Cala la pasta

Ultim'ora

Coldiretti Foggia: le aziende possono dotarsi gratis di kit antinfortunistico per i lavori agricoli

Fino al 31 gennaio 2020 le aziende agricole della provincia di Foggia e dei comuni di Margherita di Savoia,...

Il vescovo Luigi Renna inaugura il nuovo oratorio “Santa Scorese e Carlo Acutis” ad Orta Nova

“Quali scelte vanno fatte? Anzitutto potenziare gli oratori, con una progettualità che sarà seguita e guidata dal Servizio Diocesano di Pastorale Giovanile: dobbiamo fare...

LetteraTour, ultimo appuntamento incentrato su J. K. Rowling

Ultimo appuntamento di questo LetteraTour edizione del 2019. E quale modo migliore per concludere, se non quello di dare spazio ad una delle autrici...

LETTERA | «Dovremmo imparare a dire grazie al personale di Pronto Soccorso»

«Dovremmo imparare a dire grazie a tutto il personale che lavora in Pronto Soccorso». Così si legge in una lettera giunta presso questa redazione...

Anziani e battaglieri, per i pensionati di Foggia un 2020 di nuove lotte

“I pensionati foggiani guardano al futuro, certo, e lo costruiscono ogni giorno nelle famiglie in cui rivestono un ruolo importante, talvolta fondamentale per le...