Sportweb
pub_728_90

Rifiuti, individuate aziende non autorizzate a svolgere i servizi

Laveco e Mondoservice pronte a dimostrare le proprie ragioni. Nel provvedimento dei Carabinieri si prevede lo stop a partire da domenica

i più letti

Omicidio-suicidio a Cerignola, “I disagi non devono mai vivere nel silenzio, vanno sempre denunciati”

Il Presidente dell’Ordine degli Psicologi della regione Puglia, Antonio Di Gioia, interviene sulla tragedia che ha coinvolto due donne...

Protesta e sciopero della fame. I dipendenti del “verde” rivogliono il proprio lavoro

Sciopero della fame ad oltranza per i dipendenti del comparto verde pubblico. Questa la decisione presa dai lavoratori della...

Premio Zingarelli, il bando della dodicesima edizione

La data di scadenza del bando prevista il 29 febbraio 2020 dà a tutti la possibilità di partecipare al...

Nell’individuare le aziende per supportare i servizi di raccolta e spazzamento delle strade il Comune di Cerignola avrebbe affidato il servizio ad aziende prive delle opportune autorizzazioni a svolgere determinati servizi. Un provvedimento – secondo quanto riportato sulle pagine odierne de La Gazzetta del Mezzogiorno – che riguarderebbe due aziende cerignolane, la Laveco e la Mondoservice.

Sarebbe stato infatti notificato un provvedimento dai Carabinieri di Cerignola alle aziende interessate – Laveco e Mondoservice – e al dirigente del settore, ing. Clorindo Izzillo, oltre che trasmesso alla Procura della Repubblica. Una questione che riguarderebbe più gli uffici comunali preposti che le aziende. Infatti – si legge sul quotidiano – è stato chiesto «al Comune di Cerignola di individuare nuove aziende».

Per la Laveco non sarebbe possibile effettuare il servizio per una questione riguardante la tipologia di autorizzazione, mentre per la Mondoservice alcuni servizi affidati alla coop cerignolana sarebbero equiparati alla movimentazione di rifiuti solidi urbani e mancherebbe l’autorizzazione. Entrambe le aziende potranno secondo l’atto svolgere il servizio al massimo fino a domenica, poi ci sarebbe lo stop. Tuttavia gli uffici legali delle due imprese stanno lavorando per dimostrare le proprie ragioni agli inquirenti, fiduciosi che si farà presto chiarezza sulla questione. Nessuna reazione invece si registra da Palazzo di Città, che non ha emesso alcun avvio all’indirizzo delle aziende interessate.

il_segno
Oropoint_300_250
Ultimi Spazi
OSS_300_250
Cala la pasta

Ultim'ora

Omicidio-suicidio a Cerignola, “I disagi non devono mai vivere nel silenzio, vanno sempre denunciati”

Il Presidente dell’Ordine degli Psicologi della regione Puglia, Antonio Di Gioia, interviene sulla tragedia che ha coinvolto due donne...

Protesta e sciopero della fame. I dipendenti del “verde” rivogliono il proprio lavoro

Sciopero della fame ad oltranza per i dipendenti del comparto verde pubblico. Questa la decisione presa dai lavoratori della Cooperativa "il Giglio", precedentemente "Mondoservice",...

Premio Zingarelli, il bando della dodicesima edizione

La data di scadenza del bando prevista il 29 febbraio 2020 dà a tutti la possibilità di partecipare al Premio Letterario Nazionale “Nicola Zingarelli”...

Omicidio-suicidio in agro di Cerignola. Due morti e una donna ferita

E' accaduto in agro di Cerignola a metà mattinata. Non si è ben compreso dalle prime rilevazioni cosa sia accaduto precisamente. Quel che è...

Picchia la madre mentre è ai domiciliari: torna in carcere un 32enne di Cerignola

Nello scorso fine settimana, gli Agenti del Commissariato di P.S. di Cerignola hanno eseguito l’ordine di sospensione della detenzione domiciliare e ripristino della custodia...