More

    HomeEvidenzaCerignola ha firmato il contratto di ARO. Adesso tocca agli altri comuni

    Cerignola ha firmato il contratto di ARO. Adesso tocca agli altri comuni

    Pubblicato il

    A seguito della tempistica, piuttosto celere imposta dalla’ Agenzia Regionale, il Comune di Cerignola ha già firmato il contratto di ARO. Il giorno 22 Febbraio 2018, alla presenza del Direttore Generale del Consorzio di Igiene Ambientale dott.ssa Monica Abenante, del Presidente del Consiglio di Amministrazione della SIA dott. Giuseppe Devenuto, il Comune di Cerignola, rappresentato dal Sindaco di Cerignola avv. Francesco Metta e dal Dirigente ai LL.PP. e Ambiente ing. Clorindo Izzillo, ha firmato il nuovo Contratto di ARO.

    «La gestione del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti solidi urbani del territorio di Cerignola affidati a SIA, è regolata dal contratto di ARO che il Comune di Cerignola ha firmato rispettando tutti gli impegni presi con l’Agenzia Regionale per i rifiuti – ha dichiarato Franco Metta -. Il disciplinare del nuovo contratto di ARO, che avrà durata di nove anni,  prevede il servizio di spazzamento meccanico continuativo in ogni parte della città, l’avvio della raccolta differenziata per zone omogenee ed il miglioramento di tutti i servizi prestati da SIA».

    «Il Comune di Cerignola – ha aggiunto il Sindaco – ha fatto la sua parte perché la SIA possa continuare ad effettuare il servizio nel giusto riconoscimento economico, attendo che anche gli altri Sindaci firmino il contratto, esattamente come da impegno preso Lunedì 19 Febbraio 2018 durante l’Assemblea dei Sindaci  alla presenza del Commissario Straordinario avv. Gianfranco Grandaliano. Chi proclama di difendere i diritti dei lavoratori, chi dichiara di prodigarsi per le sorti di SIA, chi si esprime per tutelare le circa 300 famiglie dei dipendenti dimostri di essere coerente con le proprie idee firmando il nuovo contratto di ARO. Esporsi con le sole parole non aiuta di certo nessuno, è giunto il momento sostituire le firme alle parole, gli atti alle dichiarazioni e i bonifici di pagamento ai buoni propositi».