More

    HomeEvidenzaMetta: «Approvazione equilibri di bilancio e aumento Tari per tutelare i dipendenti...

    Metta: «Approvazione equilibri di bilancio e aumento Tari per tutelare i dipendenti Sia»

    Pubblicato il

    In questi gironi sono pervenute ai Comuni appartenenti al Consorzio di Igiene Ambientale Bacino FG/4 le proposte contrattuali di ASIPU per la gestione del servizio di spazzamento e pulizia della città.

    “Il Presidente del Consiglio Comunale, dott. Leonardo Paparella, ha convocato il Consiglio Comunale che si terrà il giorno venerdì 27 Luglio alle ore 09:30, in prima convocazione, e lunedì 30 Luglio alle ore 09:30, in seconda convocazione, per approvare la variazione di Assestamento Generale e controllo della Salvaguardia degli equilibri di Bilancio – Bilancio di Previsione Finanziario 2018/2020, atto obbligatorio il cui termine ultimo è il 31 Luglio, e l’aumento della TARI pari al 36% volto a garantire le somme utili al servizio di pulizia e spazzamento della Città.

    I Comuni aderenti al Consorzio di Igiene Ambientale Bacino FG/4, dopo aver ricevuto la proposta contrattuale di ASIPU dovranno approvare l’aumento della TARI entro il 31 Luglio, esattamente come il Comune di Cerignola. Leggendo le proposte inviate da ASIPU agli altri Comuni del Consorzio, ad eccezione del dei Comuni di Stornara, Stornarella e Ordona in quanto non ancora pervenute, le somme al netto dell’iva sono le seguenti:

    • Comune di Trinitapoli€ 2.117.273,00 a fronte dei 900.000 euro che versava nelle casse di SIA;
    • Comune di San Ferdinando di Puglia € 2.214.545,00 a fronte dei 750.000 euro che versava nelle casse di  SIA;
    • Comune di Orta Nova€ 2.672.727,00 a fronte di € 1.100.000 circa che versava nella casse di SIA;
    • Comune di Margherita di Savoia€ 2.340.000,00 a fronte di € 1.900.000 che versava nelle casse di SIA;
    • Comune di Carapelle€ 1.020.909,00 a fronte delle circa 400.000,00 euro che versava nella casse di SIA.

    Il Comune di Cerignola che dovrà spendere per la pulizia e lo spazzamento della città la somma di € 8.559.091,00 più iva è pronto perché in Consiglio Comunale approverà l’aumento della TARI ed onorerà ogni impegno preso in Prefettura. Gli altri Comuni? Dovrebbero presentarsi in Consiglio, esattamente come Cerignola, entro il 31 Luglio… lo faranno?”.