More

    HomeNotizieAttualitàPresidio Libera di Cerignola: «Restiamo uniti in questo difficile periodo»

    Presidio Libera di Cerignola: «Restiamo uniti in questo difficile periodo»

    L'associazione antimafia rinnova il suo impegno sul territorio

    Pubblicato il

    «Dobbiamo restare uniti in questo periodo difficile. Di fronte al susseguirsi di questi eventi la creazione di un “noi” è la priorità». E’ questo l’appello del presidio cittadino di Libera, che si è riunito sabato 20 gennaio presso il centro sociale “Don Antonio Palladino”, per fare il punto sulla attuale situazione – anche a fronte degli ultimi tristemente noti eventi di cronaca – ma soprattutto rinnovare anche quest’anno l’impegno sul territorio e definire gli obiettivi: «Il nostro proposito è quello di creare consapevolezza della realtà che viviamo per incontrarci, parlare e riflettere su quello che i media ed i giornali ci raccontano». Il momento principale del percorso sarà la “XXIII Giornata Nazionale della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime innocenti della mafia” che quest’anno farà tappa a Foggia, il 21 marzo.

    Un modo per tenere accesi i riflettori e mantenere alto il livello di attenzione sul territorio, ma soprattutto per fare sentire vicinanza e calore ad un territorio che in questo momento storico ha bisogno di presenza e movimento, con l’auspicio che possa segnare un momento di svolta: «Un evento importante che lascerà senza dubbio un segno nel nostro territorio. Questo può accadere solo grazie al nostro impegno e attraverso la memoria ed il racconto della vita di uomini e donne che hanno lasciato un segno per la nostra comunità».

    Ma di fronte della complessità del contesto non è mancato chi ha risposto all’appello di Libera: l’operato dell’associazione passa anche attraverso la creazione di una rete di attori nella città e anche quest’anno ci sono state diverse adesioni, tra cui la scuola media “G. Marconi” (il secondo istituto ad aver aderito, assieme al complesso “Padre Pio-Di Vittorio”), il laboratorio sociale “Resurb” e la libreria “L’Albero dei fichi” che hanno sposato il progetto dell’associazione fondata da Don Ciotti.