More

    HomeNotizieAttualitàUna vita a fianco di Veronesi, Maria Giovanna Luini presenta il suo...

    Una vita a fianco di Veronesi, Maria Giovanna Luini presenta il suo libro all’Alighieri

    La senologa dell’Istituto Europeo di Oncologia a Milano è stata la prima ospite degli “Incontri con l’autore” organizzati dall’ITET

    Pubblicato il

    Hanno preso nuovamente il via gli “Incontri con l’autore” organizzati dai corsi di scuola serale dell’ITET “Dante Alighieri”, appuntamenti attesissimi nel panorama culturale cittadino.

    Protagonista del primo incontro tenutosi presso l’Istituto nel pomeriggio di giovedì 25 ottobre è stata la dott.ssa Maria Giovanna Luini, senologa presso l’Istituto Europeo di Oncologia a Milano, presso il quale ha collaborato per 16 anni con il celebre e compianto oncologo prof. Umberto Veronesi, ma anche scrittrice che ha presentato la sua ultima fatica letteraria intitolata “Il grande lucernario – Le lezioni di Umberto Veronesi e la nuova via per la cura”.

    La scelta dell’ospite non è casuale e conclude le iniziative promosse dall’ITET per il “Mese della prevenzione”. Ma non solo, come ha sottolineato il dirigente Salvatore Mininno introducendo la dott.ssa Luini, sono molti i punti in comune tra scuola e medicina: “Entrambe hanno come compito quello di prendersi cura della persona considerandola nella sua interezza e complessità attraverso l’empatia, la capacità di sapersi mettere nei panni degli altri e che si sviluppa attraverso le esperienze di vita”.

    “Il grande lucernario” non è il primo libro scritto dalla dott.ssa Luini che ha già scritto un romanzo e curato quattro saggi scritti a quattro mani con Veronesi, il vero “grande lucernario” che ha illuminato il suo percorso umano e professionale. “Quando avevo dieci anni volevo essere Umberto Veronesi e poi alla fine per quasi vent’anni ho avuto la fortuna di essere la sua assistente in direzione scientifica– spiega l’autrice – Una delle sue lezioni più importanti è stata proprio l’empatia, un amore genuino e disinteressato per gli altri che può diventare prendersi cura degli altri con gesti e scambi che aiutano la medicina”.

    La decisione di raccontare gli insegnamenti del prof. Veronesi e le esperienze da medico e da paziente (con la diagnosi precoce di un tumore e le cure che cambiano la vita ed il modo di vedere le cose) è nata dalla convinzione che “possiamo curare anche con il tono della voce e le parole. Mettendo insieme la cura e la comunicazione per portare la luce. Scrivere un libro non è una rapina del proprio tempo sottratto ai pazienti ma fa parte della cura perché può trasmettere energie positive e voglia di affrontare una battaglia”.

    Non poteva mancare un passaggio sulla prevenzione con la dott.ssa Luini che si è rivolta alle donne presenti in sala, tra cui alcune che stanno ancora affrontando il percorso di cure: “Il libro parla anche di prevenzione, includendo storie di donne che non ce l’hanno fatta. La prevenzione ci salva la vita e consiste nell’equilibrio tra mente e corpo. L’esperienza, la conoscenza di se stessi attraverso le cure e l’ascolto del proprio corpo può aiutarci a non rimanere travolti da una diagnosi e dalle cure, migliorandone l’efficacia e aumentando le possibilità di guarigione e di sopravvivenza”.