lunedì, 17 Febbraio - 01:56
pub_728_90
Sportweb

Gli affari della mafia cerignolana con quella garganica sotto la lente dei PM

Dalle indagini condotte dalla DDA emergono nuovi dettagli sul ruolo ricoperto dai gruppi criminali ofantini nello scenario foggiano

i più letti

“Alessia e Livia, vi ricordate della vostra mamma?”: l’appello social per le gemelline Schepp scomparse nel 2011

Quattromila condivisioni, centinaia di commenti. Le gemelline Schepp non sono state dimenticate, e non soltanto dalla loro mamma Irina...

Lancia scooter contro i carabinieri per evitare controllo: arrestato 32enne di Cerignola

È il secondo arresto dello stesso tipo in pochi giorni. Ancora una volta, a Cerignola, un motociclista non ha...

Rodriguez per l’impresa, il Cerignola sbanca Bitonto e può sperare ancora

E' un gol di Samon Reider Rodriguez a regalare all'Audace Cerignola una vera e propria impresa, col colpaccio ai...

Una delle caratteristiche più volte sottolineate dagli inquirenti in riferimento alla mafia cerignolana è la sua capacità di essere quasi invisibile. «Sembra che non ci sia, ma in realtà c’è ed è ben radicata», dichiarò a tal proposito il cordinatore della DDA di Bari Francesco Giannella. Un sistema impenetrabile, che riesce a condurre i propri affari silenziosamente, quasi senza colpo ferire. Tuttavia l’incessante attività repressiva e di intelligence condotta dalle forze dell’ordine ha permesso di portare alla luce nuovi dettagli sul ruolo ricoperto nel complesso scacchiere del foggiano. E per farlo è stato necessario spostarsi qualche chilometro più a nord, sul Gargano, a Vieste, dove stanno per andare alla sbarra i vertici del clan Raduano.

In particolare, i PM contestano la gestione di un’organizzazione dedita alla gestione del traffico di droga che coinvolgeva Vieste. Un sistema che aveva la sua piazza di rifornimento proprio a Cerignola dove i viestani si procuravano il materiale stupefacente interagendo con le organizzazioni criminali del basso Tavoliere, che svolgevano il ruolo di fornitori ed intermediatori. I Raduano si sarebbero occupati degli aspetti logistici e finanziari sul mercato di sbocco.

Emerge nuovamente quindi uno degli aspetti più volte sottolineato anche nei rapporti semestrali della DIA, ovvero la propensione imprenditoriale della mafia cerignolana, abile non solo ad imbastire attività “apparentemente” lecite per riciclare il danaro sporco ma anche a realizzare intricate reti di affari criminali (principalmente traffico di armi e, per l’appunto, droga) che garantiscono liquidità alle organizzazioni. Il tutto riuscendo a mantenere un clima di calma apparente e di violenza contenuta a tal punto da riuscire ad intrecciare rapporti con gli ancora più turbolenti sodalizi del Gargano, dove al contrario è in corso una guerra tra clan.

il_segno
Oropoint_300_250
Ultimi Spazi
OSS_300_250
Cala la pasta

Ultim'ora

A Foggia c’è una sede Dia. «E adesso più denunce»

La Puglia ha la terza sede della Dia, la direzione investigativa antimafia, da ieri operativa a Foggia dopo quelle...

Rodriguez per l’impresa, il Cerignola sbanca Bitonto e può sperare ancora

E' un gol di Samon Reider Rodriguez a regalare all'Audace Cerignola una vera e propria impresa, col colpaccio ai danni del Bitonto: vittoria più...

Torna al successo la Brio Lingerie Pallavolo Cerignola, battuta 3-1 Tuglie

Torna a vincere il sestetto fucsia della Brio Lingerie Pallavolo Cerignola che, nella sfida di ieri sera contro la Talion Volley Tuglie davanti al...

Martedì 18 febbraio workshop tematico all’Itc “Dante Alighieri” di Cerignola

"Recupero e valorizzazione del patrimonio frutticolo locale": è il tema del workshop tematico che si terrà martedì 18 febbraio a partire dalle ore 16...

Domani a Cerignola la Giornata provinciale del Ringraziamento di Coldiretti

Si celebra domani domenica 16 febbraio 2020, a Cerignola, in provincia di Foggia, la Giornata provinciale del Ringraziamento, la tradizionale ricorrenza che dal 1951...