Sportweb
pub_728_90

Tutti sogniamo la serie C

i più letti

Omicidio-suicidio a Cerignola, “I disagi non devono mai vivere nel silenzio, vanno sempre denunciati”

Il Presidente dell’Ordine degli Psicologi della regione Puglia, Antonio Di Gioia, interviene sulla tragedia che ha coinvolto due donne...

Protesta e sciopero della fame. I dipendenti del “verde” rivogliono il proprio lavoro

Sciopero della fame ad oltranza per i dipendenti del comparto verde pubblico. Questa la decisione presa dai lavoratori della...

Premio Zingarelli, il bando della dodicesima edizione

La data di scadenza del bando prevista il 29 febbraio 2020 dà a tutti la possibilità di partecipare al...

Esiste qualcuno che non desidera vedere il Cerignola in serie C? Non esiste. Tutti vorrebbero il sodalizio gialloblù nel terzo campionato nazionale, tutti vorrebbero veder giocare il Bari o il Catania al Monterisi. Tutti. E anche noi.

E’ giusto precisarlo, considerati certi attacchi e prese di posizione inspiegabili da parte di alcuni lettori, che non hanno gradito l’anticipazione sul mancato ripescaggio in prima istanza (anticipazione poi confermata dall’ufficialità, ndr).

Non per vanto, ma questo giornale è l’unico – ribadiamolo, l’unico – che ha seguito l’Audace Cerignola dell’era Grieco in tutte le sue trasferte, sui campi blasonati e su quelli di terra della prima categoria, dalla prima gara del 28 settembre 2014 con il Bitetto al 5-1 ai playoff con il Taranto in D.

Il collega Emanuele Parlati ha seguito il Cerignola, anche nell’ultima stagione, ovunque. La notizia del mancato ripescaggio era nell’aria, soprattutto per chi legge con attenzione e conosce le carte e le scadenze. Nessuno è mago. E dare quella notizia fa male a tutti, anche ai redattori del quotidiano cittadino più letto. Fa male a chi – da giornalista – vedrebbe, con il Cerignola in C, aprire dinanzi a sé nuove prospettive di crescita professionale, collaborazioni con quotidiani nazionali, contatti con tv di mezza Italia.

Ecco perché ogni critica è, dal nostro punto di vista, immotivata e infondata. Nessuno è contro la città, nessuno tifa contro la propria città. Però siamo giornalisti e dobbiamo dare notizia di quanto accade. Dobbiamo raccontare il bello, e purtroppo anche il brutto. E’ il nostro lavoro.

Questo era quanto dovevamo ai nostri lettori – e solo a loro – per opportuna chiarezza.

il_segno
Oropoint_300_250
Ultimi Spazi
OSS_300_250
Cala la pasta

Ultim'ora

Omicidio-suicidio a Cerignola, “I disagi non devono mai vivere nel silenzio, vanno sempre denunciati”

Il Presidente dell’Ordine degli Psicologi della regione Puglia, Antonio Di Gioia, interviene sulla tragedia che ha coinvolto due donne...

Protesta e sciopero della fame. I dipendenti del “verde” rivogliono il proprio lavoro

Sciopero della fame ad oltranza per i dipendenti del comparto verde pubblico. Questa la decisione presa dai lavoratori della Cooperativa "il Giglio", precedentemente "Mondoservice",...

Premio Zingarelli, il bando della dodicesima edizione

La data di scadenza del bando prevista il 29 febbraio 2020 dà a tutti la possibilità di partecipare al Premio Letterario Nazionale “Nicola Zingarelli”...

Omicidio-suicidio in agro di Cerignola. Due morti e una donna ferita

E' accaduto in agro di Cerignola a metà mattinata. Non si è ben compreso dalle prime rilevazioni cosa sia accaduto precisamente. Quel che è...

Picchia la madre mentre è ai domiciliari: torna in carcere un 32enne di Cerignola

Nello scorso fine settimana, gli Agenti del Commissariato di P.S. di Cerignola hanno eseguito l’ordine di sospensione della detenzione domiciliare e ripristino della custodia...