Sportweb
pub_728_90

«Sono stati mandati via dallo Sporting». Così la madre di uno dei ragazzini alla Gazzetta

La mamma: «Non abbiamo sentimenti di rancore o vendetta nei confronti di nessuno. Ma non si possono mandare via dei ragazzini da soli». L'appello: «pregate per mio figlio, perché non è fuori pericolo»

i più letti

Mafia, imprenditori, politici: preoccupa l’«area grigia». A Cerignola diversi gli affari criminali

Spietata, violenta, omertosa (pentiti zero, o quasi), in evoluzione e in espansione emulando i moduli organizzativi della ‘ndrangheta calabrese;...

Furti di pc e tablet nelle scuole di tre regioni: arrestati due uomini di Cerignola

Sono 14 i furti commessi (per un totale di 520 tra pc e tablet e per un valore complessivo...

Scioglimento del Comune di Cerignola, via il segretario generale Monica Claudione

Mansione di segretario comunale momentaneamente vacante nel Comune di Cerignola: ciò per effetto della mancata conferma e conseguente sospensione in...

Dopo il tragico incidente dello scorso sabato, dopo quanto si è appreso più o meno ufficialmente, a parlare è la madre di uno dei sei ragazzini. Di seguito l’articolo pubblicato quest’oggi sul dorso provinciale de “La Gazzetta del Mezzogiorno”.

«Pregate per mio figlio, perché non è fuori pericolo». Questo l’appello della mamma di Giuseppe, il più grave dei ragazzini coinvolti nell’incidente di sabato sera in via Tiroasegno. Seppur stazionario il 13enne non è fuori pericolo e da cinque giorni lotta con a fianco i propri cari. Sarebbe dovuto essere un sabato come tanti, un sabato di festa con gli amici, un momento divertente di questa estate; invece d’un tratto è calato il gelo in sei famiglie e più in generale sull’intera comunità ofantina, che si è stretta in preghiera lo scorso lunedì sotto la guida del Vescovo Monsignor Luigi Renna.

«Mio figlio – ha raccontato in esclusiva a La Gazzetta la mamma, Sara Simone -, come gli altri ragazzini coinvolti, è stato accompagnato allo Sporting Club. L’ho accompagnato io personalmente, come hanno fatto anche gli altri genitori. Quindi non è vero che erano arrivati fin lì da soli. Erano invitati da un loro compagno che è socio del circolo. Non vogliamo vendetta, non abbiamo sentimenti di odio, vogliamo solo che nostro figlio si riprenda. Tuttavia non possiamo omettere di dire com’è andata. Giuseppe come altri coetanei, dopo essere entrati, sono stati mandati via. I ragazzini non hanno chiamato i genitori, anche perché se mio figlio mi avesse chiamata sarei corsa a riprenderlo. Io come gli altri genitori. Loro hanno preferito ritornare da lì a piedi. Chiaramente allo Sporting non si sono posti il problema di lasciar andar via dei ragazzini da soli, si sono limitati solo a mandarli via, incuranti di come potessero tornare, nonostante, ripeto, fossero ospiti del figlio di un socio».

Il circolo privato “Sporting Club”

Questo dunque l’antefatto, prima che imboccassero la strada e venissero travolti dalla vettura. Se per gli altri ragazzini la situazione è in lento miglioramento per il piccolo Giuseppe rimane stazionaria. Quel che la famiglia oggi chiede è solo ed esclusivamente preghiera. «Non abbiamo sentimenti di rancore o vendetta nei confronti di nessuno. Non ce l’ho con l’autista della vettura, non ce l’ho con nessuno. Ma non si possono mandare via dei ragazzini da soli. Avrebbero dovuto trattenerli, far telefonare e lasciarli uscire solo all’arrivo dei genitori» precisa la mamma.

Le indagini intanto proseguono, si continua a lavorare sulla dinamica – dalle telecamere si è appreso della presenza di un’altra vettura – e ad ascoltare i testimoni. Ed anche la versione dei genitori si aggiunge all’accaduto per comporre il puzzle esatto di quanto successo quel maledetto sabato sera, quando, intorno alle 21,00, sei ragazzini tutti tra i 12 e i 13 anni sono stati investiti da una autovettura.

Mentre per alcuni si è trattato di fratture ed escoriazioni, per gli altri la situazione è parsa da subito più grave; da qui il trasporto a San Giovanni Rotondo.

Gennaro Balzano
La Gazzetta del Mezzogiorno

il_segno
Oropoint_300_250
Ultimi Spazi
OSS_300_250
Cala la pasta

Ultim'ora

Poste Italiane: a Cerignola mobilità sempre più sostenibile, in servizio tre muovi motocicli

Anche a Cerignola Poste Italiane viaggia ad energia pulita. Nel Centro di Recapito della città, infatti, sono entrati in...

In auto con patente revocata da 20 anni e con 3kg di marijuana a casa: arrestato 52enne a Cerignola

Non allenta la “morsa” dei controlli straordinari del territorio da parte dei Carabinieri del Comando Provinciale di Foggia in tutta la Provincia. Anche sul...

Sabato 25 gennaio presentazione del libro “Push you away” della cerignolana Veronica Cellamaro

“Perchè la vita non è una somma di eventi, ma la storia delle nostre risposte a quello che il caso ci pone davanti”. Veronica...

Domenica 26 gennaio evento XC e cicloescursione “Capacciotti”

Doppio evento ciclistico a Cerignola, domenica 26 gennaio: le società ofantine Bike3 Asd e Cicogna Asd organizzano la 1^ Xc "Capacciotti", valida come quarta...

Agricoltura, pensioni da 513 euro. Cia Capitanata: “Uno scandalo”

“Una vita di lavoro in agricoltura non può valere la miseria di 513 euro mensili di assegno pensionistico”. Sono di Matteo Valentino, presidente ANP...