Sportweb
pub_728_90

Omicidio a Tavazzano, eseguita l’autopsia sul corpo del cerignolano Dipaola

i più letti

Una sfilata di moda ha celebrato il decimo anniversario dell’indirizzo Industria e Artigianato per il Made in Italy

L’evento ha ricostruito l’affascinante percorso di crescita personale e professionale compiuto dalle alunne nel corso dei dieci anni di...

LETTERA | «Dovremmo imparare a dire grazie al personale di Pronto Soccorso»

«Dovremmo imparare a dire grazie a tutto il personale che lavora in Pronto Soccorso». Così si legge in una...

Via Nizza al collasso, urge intervento sulla viabilità

Non serve una grande intelligenza e neppure un pensiero particolarmente raffinato per comprendere - già prima - che un...

Amato Dipaola è stato ucciso con cinque colpi di pistola in punti vitali, circostanza che confermerebbe la chiara intenzione di uccidere da parte del cugino Sebastian Ganci. Questi gli esiti – a sentire l’avvocato della parte offesa Antonio Merlicco – dell’autopsia sul corpo di Di Paola eseguito nella giornata di oggi a Pavia presso l’Istituto di Medicina Legale.

Ad effettuare le rilevazioni il dottor Moretti, che ha evidenziato come la vittima sia stata raggiunta da cinque proiettili, uno dei quali alla testa, mentre gli altri hanno colpito il torace in punti comunque vitali. L’autopsia è durata oltre sei ore. L’indagato è rimasto in carcere e per lui vi sarebbe l’accusa di omicidio aggravato, oltretutto da futili motivazioni.

La famiglia ha fatto sapere che si costituirà parte civile in un procedimento che vede contro tra loro dei parenti. Inoltre a breve il PM potrebbe autorizzare la tumulazione, in attesa di ulteriori sviluppi giudiziari. Il 29enne cerignolano era stato ucciso nella giornata di domenica, di primo mattino, nell’abitazione di Tavazzano dal cugino, guardia giurata 40enne, di cui era ospite. Ad armare la mano di Sebastian, la gelosia per una ragazza romena di 17 anni.

Intanto l’indagato nella giornata di ieri è stato ascoltato dal pm di Milano Andrea Fraioli. A scatenare il gesto sarebbe stata una frase di Dipaola arrivato pochi giorni prima da Cerignola. «A me di lei non interessa niente – avrebbe detto -, la voglio solo portare a letto». Si lavora inoltre per per capire il ruolo della minorenne, unica testimone dell’efferato delitto. «Ganci ha confessato subito – spiega invece l’avvocato Eliana Zecca del foro di Milano –. Ha litigato con il cugino, poi ha raccontato di aver perso la testa e di aver colpito il parente con cinque colpi di pistola in preda a un raptus». Da qui la tragedia che ha sconvolto tanto la comunità di Cerignola quanto quella di Tavazzano.

il_segno
Oropoint_300_250
Ultimi Spazi
OSS_300_250
Cala la pasta

Ultim'ora

Vento forte sul basso Tavoliere. A Tressanti cade un albero

Vento forte nella mattinata di oggi sull'intero Basso Tavoliere. Se a Cerignola non si è verificato alcun danno grave,...

Stasera riapre il Cine Teatro Roma di Cerignola

Riapre questa sera il Cine Teatro Roma di Cerignola che, dopo un’accurata ristrutturazione, diventa “Roma Teatro Cinema E…”. Trecento posti a sedere, un impianto...

“Scrivo per…” ritrovare il gatto di via Monte Amiata: aiutateci, rischia di morire

Riceviamo e pubblichiamo una lettera da parte di una nostra lettrice, M., che si rivolge alla nostra redazione per ritrovare un gatto che era...

L’Audace Cerignola in trasferta contro un Taranto alle prese con molti problemi

Penultimo turno del girone d'andata e del 2019 per l'Audace Cerignola, atteso domani dalla trasferta di Taranto, e con l'obiettivo immediato di tornare a...

L’Audace per il sociale: ieri visita ai bimbi del Cat all’ospedale “Tatarella”

Una bellissima mattinata ieri per l'Audace Cerignola, in compagnia dei bimbi del Centro Autismo Territoriale dell'ospedale 'Tatarella', invitata a fare visita dal gruppo di...