Domani chiude il mercato dei dilettanti, l’Audace Cerignola non si fa attendere e ha in canna una serie di acquisti che innalzano notevolmente la qualità tecnica dell’organico agli ordini di mister Alessandro Potenza. Il reparto su cui si sono concentrati maggiormente gli occhi dell’uomo mercato gialloblu Elio Di Toro è l’attacco, così il ds è pronto a regalare alla piazza due nomi assolutamente interessanti. Il primo rinforzo è Antonio Martiniello, centravanti classe 1996 al momento all’Olbia e che l’anno scorso ha collezionato dieci presenze in serie C con le maglie dei sardi e della Reggina. E’ salito alla ribalta nella stagione 2017/2018, quando con la Cavese realizzò ben 18 reti in 31 presenze, contribuendo al secondo posto in regular season e alla vittoria poi dei playoff (andò a segno anche nella sfida di ritorno di quel campionato di D contro gli ofantini, terminata 1-2). In quarta serie ha difeso i colori di Aversa Normanna, Campobasso e in C ha giocato ancora con l’Aversa (compagine della sua società) e con la Paganese. Forza fisica, fiuto del gol e grande abilità nel gioco aereo le caratteristiche (con i suoi 182 cm di altezza) del “piccolo Ibra”, così soprannominato nelle giovanili della Salernitana.

In prima linea ci sarà anche Lorenzo Cinque, 28enne romano che ha timbrato una presenza con il Latte Dolce in questo campionato di D. Lo scorso anno 10 reti suddivise fra Santarcangelo e Clodiense, l’anno prima stesso bottino con la casacca del San Marino. Degne di nota le altre esperienze pugliesi, con il Madrepietra Apricena (in cui ha lavorato con Potenza) e San Severo; inoltre, trascorsi anche nella vecchia C2 con Mantova, Casale e Chieti e una parentesi nel Servette, all’epoca in serie B svizzera, per il calciatore scuola Lazio. Con la capacità di attaccare gli spazi e mettersi al servizio della squadra, Cinque può rivelarsi ideale per lo schema del tecnico ex Andria. Per entrambi l’ufficialità è questione di ore, in tal modo si completerà il reparto avanzato gialloblu.

Obiettivo anche alla difesa, con l’acquisizione di Tom Syku, albanese del ’95, sceso in campo in una sfida con il Seravezzapozzi (girone A di D) e di cui è stato uno dei pilastri nelle ultime due stagioni. Cresciuto nel vivaio dell’Udinese, ha disputato altri due campionati in quarta serie con l’Imolese. Il sodalizio toscano ha stamani ufficializzato la partenza del ragazzo, che è atteso nelle prossime ore sul Tavoliere: per lui anche svariate presenze nell’under 17 e 19 del suo Paese d’origine.

Secondo le intenzioni della società, manca ancora un elemento per considerare la campagna acquisti chiusa: probabilmente un altro difensore, ma la dirigenza si trincera nel riserbo. Indubbiamente, la rosa delle “cicogne” sta sempre più prendendo forma e dimensione.