Seconda vittoria consecutiva per il Cerignola, che regola di misura il Casarano con una doppietta di un maestoso Loiodice: match vibrante e tiratissimo, fra due delle sicure protagoniste del torneo di D. Potenza ne cambia quattro rispetto al Grumentum: dentro dal 1′ Cappa, Russo, Muscatiello ma soprattutto Coletti, schierato centrale difensivo per le contemporanee assenze di Rosania e Longo, confermando il 3-4-3. Schieramento speculare per De Candia, che invece opera una sola modifica nell’undici schierato col Brindisi, Cappilli al posto di Buffa. Le prime schermaglie superati i dieci sul cronometro: Marotta centra della destra, la girata di Martiniello non trova il giro giusto. Giusto al quarto d’ora, Coletti non capitalizza una corta respinta ospite sugli sviluppi di un corner, poi poco dopo Martiniello in tuffo di testa saggia i riflessi di Guarnieri. E’ netta l’opportunità al 17′ per Marotta, lanciato in campo aperto: serie di finte e sinistro sul palo lungo a lato. Il Casarano prova a spezzare il ritmo degli ofantini con la capocciata di D’Aiello da angolo: sicuro in presa Cappa. Molta afa al “Monterisi”, a dopo la mezzora breve cooling break: la pausa è rigenerante per i padroni di casa che sbloccano il punteggio. Guarnieri va a mani aperte sul mancino di Marotta, Loiodice raccoglie con un destro esplosivo di prima intenzione che fa lustrare gli occhi alla platea (37′). Cinque minuti più tardi, il Loiodice show prosegue: palla recuperata da Martiniello in zona d’attacco, il fantasista manda per le terre D’Aiello e fredda sul primo palo Guarnieri con un fendente sinistro per il secondo boato dell’impianto di via Napoli. Salentini storditi e incapaci di reagire, si segnala nel recupero un tiro dalla lunga distanza di Tiscione ben controllato da Cappa. Nel frattempo, Nives per l’Audace aveva rilevato Alfarano. Si va all’intervallo con la banda di Potenza avanti di due segnature.

I rossoblu accorciano appena in avvio di secondo tempo: punizione sulla trequarti, sponda di D’Aiello e Versienti indovina l’angolo di precisione. Il Cerignola reagisce con Marotta ad insidiare l’ancora incerto Guarnieri, De Candia inserisce l’ex Foggia e Palmisano in luogo di Olcese e Versienti. Loiodice manca di un soffio la tripletta, incornando su traversone di Marotta, palla che sfiora l’incrocio dei pali al 62′. Al 65′ Martiniello apre per Marotta, il quale restituisce la sfera, ciccata in malo modo però dall’attaccante, che spreca una favorevole occasione. Alla metà della seconda frazione, su corner dalla destra, Girasole coglie una clamorosa traversa. I gialloblu giocoforza sono più lunghi e non hanno più la sistematicità nel raccordo fra i reparti, ma di carattere resistono alle offensive salentine. Palmisano verso la mezzora salta Russo, mette al centro per Santagata che appoggia per Cappilli, il cui fendente lambisce il sette. Potenza opera tutti i cambi a disposizione, concludendo il match ancora con sei under: il Casarano spinge ma non sfonda e non riesce a pareggiare. Dopo ben otto e passa minuti di recupero, il triplice fischio è liberatorio per gli ofantini che passano il primo vero esame stagionale.

Dopo due gare giocate, l’Audace è a punteggio pieno: domenica, il tour de force continua, con la trasferta sul campo del Brindisi.

Questo slideshow richiede JavaScript.

AUDACE CERIGNOLA-CASARANO 2-1

Audace Cerignola (3-4-3): Cappa, Syku (95′ Di Cecco), Coletti, Caiazza, Alfarano (38′ Nives, dall’89’ De Cristofaro), Sindjic, Muscatiello, Russo L., Marotta (82′ Boufous), Martiniello (67′ Cinque), Loiodice. A disposizione: Tricarico, Tancredi, Parise, Mentana. Allenatore: Alessandro Potenza.

Casarano (3-4-3): Guarnieri, Girasole, D’Aiello, Mattera, Versienti (57′ Palmisano), Giacomarro (78′ Morleo), Cappilli, Santagata (78′ Buffa), Tiscione, Olcese (57′ Foggia), Mincica (62′ Russo N.). A disposizione: Morabito, Dall’Oglio, Rescio, Cianci. Allenatore: Pasquale De Candia.

Reti: 37′ e 42′ Loiodice, 46′ Versienti (C).

Ammoniti: Muscatiello, Martiniello, Sindjic, Cinque (AC); Mattera, D’Aiello, Giacomarro, Tiscione (C).

Angoli: 6-5. Fuorigioco: 3-0. Recuperi: 3′ pt, 8’st.

Arbitro: Tesi (Lucca). Assistenti: Peloso (Nichelino)-Pischedda (Torino).