E’ stata una battaglia vera in campo, validissima agonisticamente e col Foggia che porta via il bottino pieno dal “Monterisi”: Cerignola battuto in casa in campionato dopo venticinque partite (ventisette includendo i playoff), esattamente dal gennaio 2018 quando a violare l’impianto di via Napoli fu il Gragnano. Potenza mescola le carte e vara il 3-5-2, rilanciando dal 1′ Luca Russo e Muscatiello: vanno in panchina Nives e Martiniello, con l’attacco affidato agli scattanti Loiodice e Marotta. Stesso scacchiere per Corda, tandem offensivo Iadaresta-Tortori e Kourfalidis titolare. Prima occasione per i padroni di casa: Loiodice va via sulla sinistra, cross radente per Marotta che conclude a lato. A seguire il Foggia si fa vedere con un tiro di Gentile a lato, poi Iadaresta stoppa di petto e calcia, abbondantemente alto. Loiodice al 12′ impegna Fumagalli, che respinge il destro sul palo lungo e Caiazza poco dopo incorna alto sulla traversa. Grande chance per gli ofantini al minuto 23: stupenda invenzione di Longo in profondità per Loiodice, il volo verso la porta rossonera è interrotto dalla magistrale chiusura di Viscomi. Il match si fa via via sempre più spigoloso, tanti i falli e le interruzioni: ancora un lancio a superare la retroguardia avversaria, Marotta sulla sinistra fa tutto bene, meno che il sinistro finale bloccato da Fumagalli. Dall’altra parte Iadaresta di testa su una punizione battuta dalla destra, sfera a lambire il palo, mentre al 44′ Tricarico si rifugia in angolo per sventare il calcio piazzato a lunga gittata di Gentile. Si va all’intervallo senza reti sul tabellino, ma con uno spettacolo offerto in ogni caso gradevole. Nella pausa, presentazione dei due nuovi acquisti dell’Audace, il centrocampista Sebastian Caballero e l’attaccante Samon Reider Rodriguez.

Corda toglie il già ammonito Salvi per Gerbaudo e i satanelli subito si fanno minacciosi: serpentina di Campagna sulla destra e mancino messo in corner da Tricarico. Tuttavia il Cerignola mette i brividi ai dauni in contropiede: Marotta innesca Loiodice, ma il fantasista spreca davanti a Fumagalli aprendo troppo il piattone. Prende sempre più campo il Foggia, al 65′ Tortori di potenza non inquadra lo specchio, poi al 69′ l’episodio che segna la gara. Campagna favorito da un velo di Iadaresta entra in percussione nell’area di rigore e da posizione centrale supera Tricarico. Due minuti più tardi, i rossoneri mancano il possibili colpo del ko, quando Tortori sottomisura coglie la traversa su assistenza di Gerbaudo. Potenza nel frattempo aveva inserito Martiniello ripristinando il 3-4-3 e con l’ingresso di Di Cecco, Coletti si sposta a centrocampo. Marotta dalla distanza al 78′, Fumagalli si oppone coi pugni, è il palo esterno invece a negare a Loiodice la gioia del pareggio su azione dalla bandierina. Dentro anche Cinque, il neoentrato Staiano per gli ospiti scarabocchia a seguito di combinazione centrale. Maxi recupero (nove minuti), ma l’Audace non riesce ad acciuffare un punto che avrebbe ampiamente meritato per le occasioni vistose create e non concretizzate.

La squadra di Potenza vanta già un bel credito con la fortuna, ora finalmente la possibilità di una settimana tipo senza impegni e domenica la trasferta in casa del fanalino di coda Nardò, ancora fermo al palo. Per il Foggia tre punti d’oro che lo proiettano verso i lidi più nobili della classifica.

Questo slideshow richiede JavaScript.

AUDACE CERIGNOLA-FOGGIA 0-1

Audace Cerignola (3-5-2): Tricarico, Syku, Coletti, Caiazza, Russo L. (75′ Di Cecco), Longo (84′ Cinque), Muscatiello, Sindjic (57′ Martiniello), Alfarano (90′ Nives), Marotta, Loiodice. A disposizione: Sarri, De Cristofaro, Tancredi, Boufous, Mentana. Allenatore: Alessandro Potenza.

Foggia (3-5-2): Fumagalli, Anelli, Viscomi, Cadili, Kourfalidis, Campagna (81′ Staiano), Salvi (46′ Gerbaudo), Gentile, Di Masi, Iadaresta (90′ Russo F.), Tortori (82′ Cittadino). A disposizione: Guddo, Di Jenno, Buono, Cannas, Delli Carri. Allenatore: Ninni Corda.

Rete: 69′ Campagna.

Ammoniti: Coletti, Marotta, Sindjic (AC); Salvi, Cadili, Anelli, Campagna, Fumagalli, Di Masi, Kourfalidis, Gentile (F).

Angoli: 7-7. Fuorigioco: 4-3. Recuperi: 2′ pt, 9′ st.

Arbitro: Turrini (Firenze). Assistenti: Cesarano (Castellammare di Stabia)-Zanellati (Seregno).