Sportweb
pub_728_90

Danno erariale all’Istituto Zooprofilattico: cinque dirigenti condannati a risarcire un milione di euro

Indagine della Guardia di Finanza, decisione stabilita dalla Corte dei Conti sezione della Puglia

i più letti

Una 43enne originaria di Cerignola arrestata per spendita di denaro falso a Candela

I Carabinieri della Stazione di Candela hanno arrestato in flagranza di reato per spendita di monete falsificate e truffa...

Due arresti e una denuncia il bilancio di tre diversi interventi della Polizia a Cerignola

In data 19 novembre 2019, agenti del Commissariato di P.S. di Cerignola hanno tratto in arresto un 27enne cittadino...

Cerignola, arrestati due caporali africani e sequestrato un furgone senza assicurazione

Nelle primissime ore di ieri mattina i Carabinieri della Sezione Radiomobile del NORM della Compagnia di Cerignola hanno arrestato...

Al termine di articolati accertamenti svolti dalla Guardia di Finanza di Foggia, la Corte dei Conti – Sezione Giurisdizionale per la Regione Puglia – ha condannato al pagamento della somma di 1 milione di euro 5 soggetti, presidenti e dirigenti pro tempore dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale per la Puglia e la Basilicata di Foggia, perché ritenuti responsabili, nell’esercizio delle proprie funzioni, di aver arrecato all’Erario un danno economico di pari importo.

L’attività investigativa era stata innescata da una segnalazione prodotta nel settembre 2015 dai vertici dell’Ente, appena insediatisi, secondo la quale, l’Ente medesimo, nella persona dei precedenti dirigenti, aveva affidato ad una società di servizi informatici di Foggia la gestione dell’“Anagrafe e movimentazioni animali da allevamento” e dell’“Osservatorio epidemiologico veterinario regionale”, nonostante le rispettive convenzioni quinquennali, del settembre 1998 e del febbraio 2000, fossero scadute.

Dagli approfondimenti eseguiti dai militari del Nucleo di polizia economico finanziaria di Foggia è emerso che nel dicembre 1997 l’Ente pubblico del SSN aveva stipulato una convenzione con una società di informatica di Foggia per l’affidamento diretto del servizio di “Anagrafe e movimentazione animali da allevamento”, quantificando il costo complessivo in 714 milioni di lire per la cessione del software applicativo, e in 536 milioni di lire annui per la relativa manutenzione e gestione della banca dati.

Con riferimento invece alla costituzione e gestione dell’“Osservatorio epidemiologico veterinario regionale”, l’Ente pubblico aveva stipulato una convenzione con la medesima società informatica foggiana, affidandole in via diretta il servizio per un costo complessivo di circa 836 milioni di lire per la cessione del software applicativo, e di circa 447 milioni di lire annui per la relativa manutenzione e gestione della banca dati. Scadute le due convenzioni, l’Ente sanitario, nel periodo 2006 – 2014, con determinazioni dirigenziali, aveva proceduto, di anno in anno, a prorogare l’affidamento del servizio di manutenzione e gestione delle due banche dati in favore della medesima società di servizi informatici al costo complessivo di circa 494 mila euro all’anno.

Nel 2015, i nuovi vertici dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale, rilevata l’obsolescenza del prodotto informatico e l’eccessivo costo sostenuto, hanno proceduto all’acquisto di un applicativo più performante, al costo complessivo, una tantum, di circa 355 mila euro (oltre IVA), optando, dal 2016, per la gestione “in house” dell’attività di rilevamento e gestione dati, attraverso l’assunzione di due tecnici informatici, al costo annuale di circa 78 mila euro, dedicati alla manutenzione e gestione di entrambi i servizi dati. La Guardia di Finanza di Foggia – principale referente operativo della magistratura contabile – ha così accertato che la differenza tra il costo sostenuto dall’Ente sanitario per la gestione dei due servizi e quello che avrebbe potuto sostenere se già dal 2006 ne avesse internalizzato l’esecuzione, ha cagionato un rilevante danno economico all’Ente sanitario e alla Regione Puglia.

Pertanto, il Procuratore Regionale della Corte dei Conti Puglia, condividendo gli esiti dell’attività investigativa delle Fiamme Gialle foggiane, ha convenuto innanzi alla Sezione Giurisdizionale i dirigenti ed i presidenti pro tempore dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale, chiedendone la condanna a risarcire, in solido tra loro, il danno patito dall’Ente pubblico e dalla Regione Puglia. Richiesta che è stata accolta dalla Sezione Giurisdizionale per la Regione Puglia, con sentenza n. 487 del 22 luglio 2019, ravvisando nei loro confronti la sussistenza della responsabilità amministrativo – contabile e condannandoli al pagamento, in solido, di 1 milione di euro.

A fondamento del provvedimento è stato rilevato dalla A.G. contabile che la proroga annuale dei due servizi da parte della Regione Puglia in favore dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale non comportava ovviamente il rinnovo delle convenzioni originariamente stipulate, in parallelo, tra l’Ente sanitario e la società di servizi informatici, atteso che entrambe le citate convenzioni prevedevano che nell’arco di 5 anni l’Ente sanitario avrebbe dovuto adoperarsi per acquisire gli strumenti e le capacità tecniche per la gestione, in autonomia, del servizio in modo da salvaguardare gli interessi della Pubblica Amministrazione, evitando un aggravio di spesa a fronte di un servizio peraltro obsoleto.

il_segno
Oropoint_300_250
Ultimi Spazi
OSS_300_250
Cala la pasta

Ultim'ora

Cerignola, arrestati due caporali africani e sequestrato un furgone senza assicurazione

Nelle primissime ore di ieri mattina i Carabinieri della Sezione Radiomobile del NORM della Compagnia di Cerignola hanno arrestato...

“Con il silenzio rompiamo il silenzio”: il programma della marcia silenziosa di lunedì 25

“CON IL SILENZIO ROMPIAMO IL SILENZIO” è lo slogan con il quale il Comune di Cerignola, in occasione della Giornata Internazionale Contro la Violenza...

La Carovana della Prevenzione domani in piazza Matteotti

Domani, sabato 23 novembre, giornata dedicata alla salute a Cerignola: in piazza Matteotti, dalle 9 alle 16.30, sarà presente la Carovana della Prevenzione, all'interno...

Due arresti e una denuncia il bilancio di tre diversi interventi della Polizia a Cerignola

In data 19 novembre 2019, agenti del Commissariato di P.S. di Cerignola hanno tratto in arresto un 27enne cittadino senegalese per resistenza, violenza e...

L’insidia è in trasferta per Ares Flv e Brio Lingerie Pallavolo Cerignola

Nel weekend in programma la sesta giornata dei principali tornei di volley: entrambe le formazioni cerignolane saranno di scena in trasferta, sia in B1...