Sportweb
pub_728_90

Sequestrato depuratore di Cerignola, tombati rifiuti speciali. Sigilli per 464 metri quadrati

i più letti

Cerignola, incandidabilità di Sindaco & Co. Udienza fissata martedì 21

Dopo lo scioglimento del consiglio comunale e il commissariamento, cominciano a vedersi le prime conseguenze, i primi strascichi del...

Smantellata organizzazione italo-albanese attiva nello spaccio di stupefacenti, 22 arresti

Alle prime luci dell’alba, la Polizia di Stato ha eseguito un’ordinanza con cui si dispone la misura cautelare della...

Cerignola, fermati in quattro per possesso di moto rubate

Alcuni giorni fa una pattuglia della Stazione di Cerignola, nel corso di un servizio di perlustrazione delle vaste aree...

Militari della Guardia Costiera di Manfredonia appartenenti all’aliquota del Nucleo Operativo di Polizia Ambientale (NOPA) della Direzione Marittima di Bari hanno proceduto, sentito il magistrato di turno della Procura della Repubblica di Foggia, a porre sotto sequestro penale, due letti di essiccazione fanghi di depurazione dismessi ed una discarica abusiva di rifiuti speciali rinvenuti all’interno del depuratore di acque reflue ubicato in località “San Lorenzo” nel comune di Cerignola. 

È stato accertato e verificato che i letti in questione, dismessi, erano interessati dalla presenza di materiale, sormontato da folta vegetazione ed alcuni scarti vari, per complessivi stimati 96 metri cubi, superando nel complesso i limiti di deposito temporaneo previsti dal Testo Unico Ambientale. È stata sequestrata e sigillata un’area di circa 464 metri quadrati su cui erano depositati rifiuti speciali di vario genere (laterizi, resti di lavorazione edile, materiali ferrosi, pneumatici, resti di equipaggiamento di autoveicoli e altro ancora).

Gli accertamenti ambientali all’interno del depuratore, al fine di verificare il corretto funzionamento del ciclo depurativo, sono stati effettuati congiuntamente al personale tecnico dell’Arpa Foggia, che ha provveduto ad effettuare i campionamenti analitici. Le attività di polizia ambientale poste in essere saranno riferite alla competente autorità giudiziaria. Nominato custode delle cose sequestrate, senza facoltà d’uso, un funzionario responsabile della società Acquedotto Pugliese spa, che gestisce l’impianto di depurazione per conto del Comune di Cerignola. (l’Immediato)

il_segno
Oropoint_300_250
Ultimi Spazi
OSS_300_250
Cala la pasta

Ultim'ora

Polveri bagnate per l’Audace Cerignola, finisce senza reti col Grumentum

Un roccioso Grumentum blocca sullo 0-0 un Audace Cerignola che non sa approfittare di una mezzora abbondante in superiorità...

Cerignola, fermati in quattro per possesso di moto rubate

Alcuni giorni fa una pattuglia della Stazione di Cerignola, nel corso di un servizio di perlustrazione delle vaste aree rurali e periferiche della città...

In centinaia alla marcia per la pace. Mons. Renna: «Il cammino non si ferma. Da oggi inizia un nuovo percorso»

Una folla giovane, allegra e colorata ha invaso le vie di Cerignola ieri pomeriggio prendendo parte alla marcia per la pace che ha sfilato...

Travolta l’Orsacuti 3-0, per la Brio Lingerie Pallavolo Cerignola ottimo viatico verso Melendugno

Termina con la netta vittoria per 3-0 della Brio Lingerie Pallavolo Cerignola la sfida del PalaDileo valevole per la 12^ giornata del campionato di...

Cerignola, incandidabilità di Sindaco & Co. Udienza fissata martedì 21

Dopo lo scioglimento del consiglio comunale e il commissariamento, cominciano a vedersi le prime conseguenze, i primi strascichi del provvedimento che dallo scorso 14...