domenica, 16 Febbraio - 22:59
pub_728_90
Sportweb

Sequestrata piantagione di marijuana a Trinitapoli: in due finiscono in manette

i più letti

Dopo l’incendio 20 famiglie per strada. «Non è colpa nostra. Trovateci una sistemazione»

Oltre le fiamme e il fumo nero sulla città, dopo l'incendio che ha devastato l'attività commerciale "Lanotte Bike" e...

Lancia scooter contro i carabinieri per evitare controllo: arrestato 32enne di Cerignola

È il secondo arresto dello stesso tipo in pochi giorni. Ancora una volta, a Cerignola, un motociclista non ha...

“Alessia e Livia, vi ricordate della vostra mamma?”: l’appello social per le gemelline Schepp scomparse nel 2011

Quattromila condivisioni, centinaia di commenti. Le gemelline Schepp non sono state dimenticate, e non soltanto dalla loro mamma Irina...

Le Fiamme Gialle del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Foggia, hanno tratto in arresto due persone residenti nel comune di Trinitapoli (BT) per il reato di produzione non autorizzata, a fini di spaccio, di canapa indiana e resistenza a pubblico ufficiale.

Nel mese di luglio dello scorso anno, i Finanzieri della Tenenza di Margherita di Savoia, all’esito di una mirata attività di intelligence finalizzata alla repressione del fenomeno della coltivazione non autorizzata di canapa indiana, hanno individuato, nell’agro del comune di Trinitapoli (BT), una vasta piantagione di marijuana, estesa su circa un ettaro di terreno, in cui erano presenti circa 3.000 piante di varie altezza in avanzata fase di maturazione e, pertanto, pronte per essere sottoposte alla successiva fase di essiccazione.

La mirata ed attenta attività osservazione permetteva di cogliere sul fatto uno degli addetti alla coltivazione ed alla raccolta del prodotto che, accortosi della presenza dei Finanzieri, saliva a bordo di un’autovettura che lanciava a forte velocità in direzione di due dei militari intervenuti sul posto per procedere alla sua identificazione, riuscendo a far perdere le proprie tracce.

Le meticolose indagini, coordinate dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Foggia, consentivano l’identificazione del soggetto fuggitivo, di anni 29, e di risalire ad un cinquantunenne che aveva, di fatto, affittato il fondo agricolo usato per la coltivazione della piantagione di cannabis sottoposta a sequestro. La stessa, a completa fioritura, avrebbe prodotto circa 5 quintali di marijuana essiccata, da cui poter ricavare oltre 500.000 dosi per un giro d’affari di 5 milioni di euro.

Nei loro confronti il G.I.P. del Tribunale di Foggia ha emesso un’ordinanza di applicazione di misura cautelari in carcere eseguita, alcuni giorni fa, dalle Fiamme Gialle di Margherita di Savoia che hanno inferto un ulteriore duro colpo a quella che rappresenta, ad oggi, una delle più fruttifere forme di business della criminalità pugliese.

il_segno
Oropoint_300_250
Ultimi Spazi
OSS_300_250
Cala la pasta

Ultim'ora

A Foggia c’è una sede Dia. «E adesso più denunce»

La Puglia ha la terza sede della Dia, la direzione investigativa antimafia, da ieri operativa a Foggia dopo quelle...

Rodriguez per l’impresa, il Cerignola sbanca Bitonto e può sperare ancora

E' un gol di Samon Reider Rodriguez a regalare all'Audace Cerignola una vera e propria impresa, col colpaccio ai danni del Bitonto: vittoria più...

Torna al successo la Brio Lingerie Pallavolo Cerignola, battuta 3-1 Tuglie

Torna a vincere il sestetto fucsia della Brio Lingerie Pallavolo Cerignola che, nella sfida di ieri sera contro la Talion Volley Tuglie davanti al...

Martedì 18 febbraio workshop tematico all’Itc “Dante Alighieri” di Cerignola

"Recupero e valorizzazione del patrimonio frutticolo locale": è il tema del workshop tematico che si terrà martedì 18 febbraio a partire dalle ore 16...

Domani a Cerignola la Giornata provinciale del Ringraziamento di Coldiretti

Si celebra domani domenica 16 febbraio 2020, a Cerignola, in provincia di Foggia, la Giornata provinciale del Ringraziamento, la tradizionale ricorrenza che dal 1951...