pub_728_90
Sportweb

L’Audace Cerignola in trasferta contro un Taranto alle prese con molti problemi

Sfida delicata allo "Iacovone", i ragazzi di Feola affrontano i rossoblu reduci da tre ko consecutivi

i più letti

Tg1 a Cerignola per Sara Ciafardoni: la storia della “lettrice sognatrice” in Rai

Con la passione per i libri e la voglia di parlare al mondo partendo dalla sua camera, Sara Ciafardoni...

Smantellata organizzazione italo-albanese attiva nello spaccio di stupefacenti, 22 arresti

Alle prime luci dell’alba, la Polizia di Stato ha eseguito un’ordinanza con cui si dispone la misura cautelare della...

Disordini nella partita contro il Bitonto, Daspo per cinque tifosi dell’Audace Cerignola

Cinque ultras residenti nel comune ofantino, tutti tifosi della squadra di calcio “AUDACE CERIGNOLA” sono stati raggiunti dalla misura...
Emanuele Parlati
Giornalista, laureato in Comunicazione istituzionale e relazioni pubbliche. Corrispondente sport per diversi quotidiani pugliesi

Penultimo turno del girone d’andata e del 2019 per l’Audace Cerignola, atteso domani dalla trasferta di Taranto, e con l’obiettivo immediato di tornare a fare bottino pieno dopo il mezzo passo falso interno di domenica scorsa contro il Gravina. Il 2-2 contro i murgiani è stato il simbolo di quanto a volte il calcio può essere imperscrutabile e assolutamente fuori dalle previsioni: quando sembrava ormai acquisita la vittoria, al 94′ Bozzi ha riportato il risultato in parità, esito opposto del precedente match al “Monterisi”, quando in extremis col Fasano era invece arrivato il gol vittoria di Rodriguez. Un pareggio dal forte sapore amaro anche perché gli ofantini erano riusciti a ribaltare lo svantaggio, cambiando nettamente marcia dopo lo schiaffo subito, servito a restituire dinamismo ad una giornata che pareva poco brillante. Ciononostante, Feola resta imbattuto dal suo arrivo e prosegue la serie di risultati utili: nelle ultime due partite prima della sosta natalizia, è immutata la missione di entrare quantomeno in zona playoff, per poi affrontare il girone di ritorno con rinnovate energie e slanci. La squadra è comunque tranquilla ed è già stato archiviato il contraccolpo del pari con i baresi, per tuffarsi con massima concentrazione nel difficile impegno jonico. In trasferta il trend ultimamente è positivo, con due affermazioni consecutive fra Gladiator e Agropoli: i punti ottenuti in campo avverso come ben noto valgono doppio e un successo eliminerebbe in pratica una quotata concorrente.

Scontata la squalifica, De Cristofaro riprenderà il suo posto al fianco di Coletti in zona nevralgica, con la riproposizione del 4-2-3-1 tipo. Se non dovesse farcela Rosania (assente col Gravina) in difesa, Caiazza e Syku si giocano una maglia, confermati per il resto i soliti interpreti.

Il Taranto costituisce una delle maggiori delusioni di una metà di campionato ormai quasi in archivio: partito nuovamente con elevatissime ambizioni, detiene in classifica gli stessi punti dell’Audace, 24. Inoltre, il momento attuale è piuttosto caotico e pesante, con la tifoseria in apertissima contestazione verso dirigenza e calciatori, così come in società si sono aperte porte girevoli negli ultimi giorni. Il nuovo ds al posto di Sgrona è De Santis, via il dg Montella e si sono verificati svincoli eccellenti quali Galdean e Croce. Precedentemente, Ragno era stato rilevato in panchina da Panarelli, il cui ritorno ha apportato benefici concreti in avvio (quattro vittorie), cui però sono seguiti tre stop consecutivi di cui due in casa, l’ultimo sabato scorso per mano della Nocerina. Privi dello squalificato D’Agostino e dell’infortunato Genchi, i rossoblu si affideranno a Manzo, Favetta, Oggiano e all’ex Allegrini, presumibilmente schierandosi a specchio come gli avversari. Dal mercato nelle ultime ore, sono arrivati il difensore Kosnic proveniente dalla Fidelis Andria, gli attaccanti Goretta (ex Rende) e Olcese dal Casarano. Curiosità statistica, il Taranto finora non ha mai pareggiato, ottenendo otto vittorie e ben sette sconfitte, un po’ troppe per chi aspira al vertice.

A parte il confronto di ottobre in coppa Italia, l’ultimo precedente in campionato risale al 27 gennaio scorso, col successo degli jonici 2-1: per gli ofantini rete del momentaneo pareggio a firma Lattanzio. Calcio d’inizio allo “Iacovone” alle ore 14.30, con la direzione arbitrale affidata al sig.Madonia, della sezione di Palermo.

il_segno
Oropoint_300_250
Ultimi Spazi
OSS_300_250
Cala la pasta

Ultim'ora

«Mafia foggiana emula la ‘ndrangheta». Ecco la relazione della DIA sulla Capitanata

Un «contesto ambientale omertoso e violento», dovuto al legame dei gruppi criminali con il territorio, ai rapporti familistici dei...

Smantellata organizzazione italo-albanese attiva nello spaccio di stupefacenti, 22 arresti

Alle prime luci dell’alba, la Polizia di Stato ha eseguito un’ordinanza con cui si dispone la misura cautelare della custodia in carcere, emessa dalla...

Disordini nella partita contro il Bitonto, Daspo per cinque tifosi dell’Audace Cerignola

Cinque ultras residenti nel comune ofantino, tutti tifosi della squadra di calcio “AUDACE CERIGNOLA” sono stati raggiunti dalla misura di prevenzione del Divieto di...

Ostacolo Altino per l’Ares Flv Cerignola, la Brio Lingerie riceve l’Orsacuti

Dodicesima giornata dei principali tornei di volley con sfide da non fallire per le due formazioni cerignolane: trasferta in Abruzzo per l'Ares Flv, impegno...

Dal 15 febbraio attiva a Foggia una sezione operativa della Dia

La Direzione investigativa antimafia ha comunicato che darà corso alle procedure per istituire una sezione operativa della Dia a Foggia, alle dirette dipendenze del...