giovedì, 20 Febbraio - 06:19
pub_728_90
Sportweb

Agricoltura: Coldiretti Puglia, cresce valore nel 2019 (+22%)

Il bilancio dell’annata agraria in recupero rispetto al 2018 con +128% filiera olivicola

i più letti

Tragedia in zona Convento. Si lancia nel vuoto e muore

E' accaduto in pieno centro, in zona Convento, nella mattinata di oggi. Una donna si è lanciata nel vuoto...

Vessazioni e minacce alla madre per acquistare droga, i carabinieri arrestano 34enne di Cerignola

I carabinieri di Cerignola hanno eseguito una ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari emessa dal Gip del Tribunale...

Sequestrata dalla Polizia autodemolizione con numerosissimi componenti di mezzi pesanti rubati

Scoperta centrale di riciclaggio di automezzi pesanti a Cerignola. La Polizia di Stato controlla una ditta di autodemolizioni e...

Recupera il terreno perso l’agricoltura pugliese nel 2019, riguadagnando il 22% della PLV (Produzione Lorda Vendibile) andata in fumo nel 2018, annus horribilis per il settore, a dispetto della paralisi amministrativa che continua a bloccare le risorse del PSR, il clima pazzo e il disastro colposo causato dai ritardi nella gestione della Xylella fastidiosa. E’ quanto emerso dall’analisi di Coldiretti Puglia sull’andamento dell’annata agraria 2019, diffusa nel corso della conferenza stampa di fine anno, alla presenza dei quadri dirigenti dell’Organizzazione.

“L’agricoltura pugliese è viva, a dispetto della mancanza di visione e strategia della politica regionale che ha lasciato noi imprenditori agricoli soli ad affrontare le emergenze dei prezzi bassi in campagna, della tropicalizzazione del clima, dell’attacco di malattie aliene provenienti dall’estero, senza alcun sostegno allo sviluppo rurale che ha ‘mangiato’ competitività alle imprese agricole pugliesi”, ha detto il presidente di Coldiretti Puglia, Savino Muraglia. Il valore delle produzioni agricole torna a crescere, attestandosi su 3.6 miliardi di euro, principalmente grazie al recupero della filiera olivicola e olearia – aggiunge Coldiretti Puglia – che dopo il crack nel 2018 causato dalle gelate, segna un aumento del 128% rispetto all’anno precedente e la crescita sarebbe stata anche più alta se le quotazioni delle olive in campagna fossero state più soddisfacenti.

“Bene il comparto cerealicolo con una PLV in aumento del 46% rispetto all’anno precedente – riferisce il presidente Muraglia – con un rinnovato interesse per il grano pugliese che rappresenta una significativa inversione di tendenza, determinata anche dalla domanda dei consumatori per la pasta ottenuta con grano duro italiano che sta spingendo verso linee di produzione di Made in Italy 100% con accordi di filiera per aumentare le coltivazioni in Italia. L’adesione ai contratti di filiera attraverso i quali i produttori seguono determinati disciplinari tecnici garantisce l’ottenimento di elevati standard quantitativi e qualitativi per il grano duro destinato alla pasta che è stato coltivato nel 2019 su 1,2 milioni di ettari per un raccolto di 4 miliardi di chili. La regione con la maggiore produzione di grano duro in Italia è la Puglia con circa 900 milioni di chili distribuiti su 340.000 ettari”, aggiunge il presidente Muraglia. “Abbiamo seguito con attenzione l’arrivo di navi nel porto di Bari, soprattutto dai Paesi dell’est europeo e dal sud Africa, che stanno prendendo le vie più disparate in Italia, per cui chiediamo alle forze dell’ordine di seguirne i percorsi, considerato che vige ancora il segreto di stato sulle importazioni e le destinazioni di prodotti in arrivo dall’estero”, denuncia Muraglia.

Sostanzialmente stabile con un lieve rialzo il segmento del latte, grazie all’accordo di filiera tra Coldiretti, la Cooperativa ‘Latte Munto in Puglia’ e Delizia SPA che ha garantito trasparenza e stabilità ai prezzi – ricorda Coldiretti Puglia – mentre continua il trend positivo del vino pugliese con il Primitivo, al secondo posto della top ten di gradimento degli italiani con una crescita del 21% dei consumi, seguito al quarto posto dal Negroamaro (+15%), aggiunge Coldiretti Puglia. “La produzione di uva di vino nel 2019 ha subito in media un calo del 17% rispetto al 2018, ma la Produzione Lorda Vendibile segna un aumento del 9% per le migliori contrattazioni in campagna per una produzione di grande qualità”, commenta il presidente Muraglia.

Buone le performance dell’uva da tavola e della frutta fresca, anche grazie alla diversificazione in corso, con produzioni come il melograno che stanno dando valore aggiunto al comparto. “In calo la produzione degli agrumi, a causa del maltempo e il gran numero di espianti di alberi di clementine nel 2018, per cui c’è stato un significativo calo del quantitativo prodotto in quintali del 23%, con prezzi in campagna decisamente più remunerativi proprio per la scarsità di prodotto”, conclude Muraglia.

In crisi strutturale il segmento della pesca – insiste Coldiretti Puglia – che continua a perdere terreno, con la flotta peschereccia pugliese, denuncia Coldiretti Puglia, che ha perso oltre 1/3 delle imprese e 18.000 posti di lavoro, con un contestuale aumento delle importazioni dal 27% al 33%. Di assoluto rilievo i numeri del settore in Puglia, segnala Coldiretti, il cui valore economico è pari all’1% del PIL pugliese e arriva fino al 3,5% se si considera l’intero indotto, conta 1500 imbarcazioni, 5000 addetti, 10 impianti di acquacoltura e mitilicoltura. Le aree vocate sono prioritariamente Manfredonia, Molfetta, sud Barese, Salento, dove il pescato più importante è costituito da gamberi, scampi, merluzzi.

Una crisi quella del settore ittico, che si trascina da 30 anni – rileva Coldiretti Puglia – in un mercato, quello del consumo del pesce, che aumenta, ma sempre più in mano alle importazioni. La produzione ittica derivante dall’attività della pesca è da anni in calo e quella dell’acquacoltura resta stabile, non riuscendo a compensare i vuoti di mercato creati dell’attività tradizionale di cattura. Una rinascita che passa per il mercato e sulla quale Coldiretti sta cercando di impegnarsi a fondo, facendo partire iniziative nei Mercati di Campagna Amica che hanno come obiettivo la vendita diretta, la semplificazione e la tracciabilità.

il_segno
Oropoint_300_250
Ultimi Spazi
OSS_300_250
Cala la pasta

Ultim'ora

Addio a Flavio Bucci, l’attore aveva in programma uno spettacolo a fine mese a Cerignola

È improvvisamente scomparso nella giornata di ieri, a 72 anni, Flavio Bucci. Attore, doppiatore (è lui che presta la...

Coldiretti, maglia nera alla Puglia con il 31,4% di bambini obesi

Maglia nera alla Puglia con il 31,4% dei bambini che risulta obeso, anche a causa di abitudini alimentari sbagliate con un insufficiente consumo di...

Tragedia in zona Convento. Si lancia nel vuoto e muore

E' accaduto in pieno centro, in zona Convento, nella mattinata di oggi. Una donna si è lanciata nel vuoto da una palazzina in Piazza...

Vessazioni e minacce alla madre per acquistare droga, i carabinieri arrestano 34enne di Cerignola

I carabinieri di Cerignola hanno eseguito una ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari emessa dal Gip del Tribunale di Foggia, su richiesta della...

Sequestrata dalla Polizia autodemolizione con numerosissimi componenti di mezzi pesanti rubati

Scoperta centrale di riciclaggio di automezzi pesanti a Cerignola. La Polizia di Stato controlla una ditta di autodemolizioni e rinviene un ingente quantitativo di...