More

    HomeSportCalcioAncora una vittoria "all'inglese" per il Cerignola: Loiodice e Foggia piegano il...

    Ancora una vittoria “all’inglese” per il Cerignola: Loiodice e Foggia piegano il Savoia

    Infortunio ad un ginocchio per Pollidori, la parte finale del secondo tempo premia i gialloblu

    Pubblicato il

    Terza vittoria di fila col risultato “all’inglese” per il Cerignola (striscia a quattro), che batte 2-0 il Savoia nell’ultimo quarto d’ora, legittimando i tre punti con un secondo tempo nella metà campo avversaria. Cambia tre pedine Bitetto rispetto a Nola: fra i titolari Pollidori, Amabile e Vitofrancesco, lasciando inalterato il 4-4-2. Campilongo schiera i suoi con un 4-3-3 senza grosse sorprese: Scolavino sostituisce lo squalificato Savini in porta, tridente formato da Alvino-Diakite-Rekik. La prima pallagol del match è di marca cerignolana: Longo per Vitofrancesco, il cui destro è fermato in due tempi dal portiere ospite. Al 17′, Abagnale sbaglia il rinvio, sfera a Diakite che trova il pronto riscatto del numero uno locale. Azione solitaria di Amabile: “ruleta” ad evitare un difensore, conclusione sul primo palo ad impegnare Scolavino, poi Abagnale devia in angolo una punizione decentrata di Alvino. Insistono gli oplontini: Rekik di forza su Tedone, sinistro disinnescato da Abagnale. Ripartenza Audace: Loiodice per Lattanzio e cross per Foggia, il quale cerca l’esterno destro al volo, senza fortuna. Sempre campani pericolosi, Alvino è servito da Diakite, il tiro da ottima posizione termina a lato. Il Savoia prende le misure degli ofantini e controlla le operazioni: al 40′ Alvino è troppo egoista e non passa il pallone a Diakite, ne esce fuori un tentativo assai fiacco. Si va negli spogliatoi sul risultato di partenza.

    Subito Lattanzio dalla media distanza alla ripresa delle ostilità (alto sulla traversa), al 55′ apprensione per l’infortunio che costringe Pollidori ad abbandonare il campo. Per il barlettano non sembra cosa da poco, con forte dolore al ginocchio destro e probabile interessamento del menisco: auguri per un pronto rientro. Il Cerignola cerca di reagire all’infausto evento con una nitidissima opportunità due minuti più tardi: Vitofrancesco pesca Foggia solo in area, il giro non è quello giusto per un soffio. I biancoscudati non riescono più a farsi minacciosi e si complicano nettamente le cose al 74′: Cacace spinge ingenuamente e vistosamente Foggia davanti alla porta, rigore per i gialloblu e rosso diretto per il difensore. Dal dischetto, una volta ancora implacabile Loiodice: Scolavino intuisce ma non può evitare il vantaggio. Gara ora in discesa per gli ofantini, in vantaggio di un gol e in superiorità numerica: il raddoppio all’86’, bella discesa sulla destra di Tedone e traversone sul secondo palo dove Foggia di petto appoggia in fondo al sacco per il ritorno al gol dopo venti giorni. Pochi istanti prima del triplice fischio, Scolavino in bello stile evita il tris dell’Audace, opponendosi con bravura alla stoccata di Lattanzio.

    Il Cerignola aggira un difficile ostacolo senza conseguenze, tiene inviolata la porta per la terza giornata di seguito e -seppur temporaneamente- si avvicina al Picerno, bloccato dal maltempo. Domenica prossima altra sfida insidiosa e ricca di contenuti nel derby in trasferta con la Fidelis Andria, oggi vittoriosa di misura a Pomigliano.

    AUDACE CERIGNOLA-SAVOIA 2-0

    Audace Cerignola (4-4-2): Abagnale, Tedone, Allegrini, Pollidori (55′ Abruzzese), Ingrosso, Vitofrancesco, Longo, Amabile (89′ Carannante), Loiodice, Foggia (89′ Esposito A.), Lattanzio. A disposizione: Cappa, Russo, Cascione, De Cristofaro, Faggioli, Marotta. Allenatore: Leonardo Bitetto.

    Savoia (4-3-3): Scolavino, Nives, Cacace, Poziello, Esposito G., Gatto (84′ Costantino), D’Ancora (63′ Ayina), Ausiello (92′ Tedesco), Alvino (75′ Guastamacchia), Diakite, Rekik (63′ Maranzino). A disposizione: Restina, Imbriola, Liguoro, Rondinella. Allenatore: Salvatore Campilongo.

    Reti: 75′ Loiodice (rig.), 86′ Foggia.

    Ammoniti: Lattanzio (AC); Cacace, Maranzino, Gatto (S). Espulso: al 74′ Cacace (S) per fallo da ultimo uomo in area di rigore.

    Angoli: 4-5. Fuorigioco: 6-5. Recuperi: 2′ pt, 5′ st.

    Arbitro: Frascaro (Firenze). Assistenti: Mattera (Roma 1)-Filip (Torino).

    CLASSIFICA ALLA VENTICINQUESIMA GIORNATA

    Az Picerno 56; Audace Cerignola 55; Taranto 54 (-1); Bitonto 43; Fidelis Andria 42; Savoia 39; Team Altamura 38; Francavilla in Sinni, Fasano 34; Gelbison 33; Gravina 30; Nardò 29; Gragnano 27; Sorrento, Sarnese, Nola 24; Pomigliano 15; Granata Ercolanese 8. (Picerno e Gravina una partita in meno)