More

    HomeNotizieAttualitàEconomia circolare e innovazione sociale in un convegno al Cercat venerdì 29

    Economia circolare e innovazione sociale in un convegno al Cercat venerdì 29

    Pubblicato il

    Convegno venerdì 29 alle 17,00 presso il CERCAT di Cerignola in via Urbe. “Ri-generare luoghi per generare inclusione. Il modello di economia circolare e innovazione sociale di Cerignola” il titolo di una iniziativa per riflettere sui servizi che l’ausilioteca offre oggi per soddisfare i bisogni delle persone del Quartiere Torricelli, della città di Cerignola, della Regione Puglia e di altre regioni italiane; ma soprattutto sulle enormi possibilità di sviluppo che il Cercat avrebbe per tutti i portatori di interesse (non solo territoriali) nel breve e medio periodo, se si riuscisse a trasformarlo da spazio a luogo, ponendolo al centro della vita sociale della comunità cittadina per attivare nuove opportunità di inclusione sociale.

    Un momento al quale prenderanno parte le istituzioni, il Sindaco Franco Metta e il vice Sindaco Rino Pezzano, l’assessore regionale al bilancio Raffaele Piemontese, il Direttore Generale dell’ASL Vito Piazzolla, il presidente della cooperativa sociale ESCOOP Pasquale Panico, oltre al garante regionale dei diritti delle persone sottoposte a misure restrittive della libertà personale Piero Rossi e al vescovo di Cerignola Monsignor Luigi renna. Da un lato l’ausilioteca, intuizione felice ai tempi della giunta Vendola con la cerignolana Elena Gentile al Welfare, dall’altro l’impresa sociale Innova – anch’essa sostenuta dal precedente governo regionale -, che offre servizi di ricondizionamento e rigenerazione degli Ausili Tecnici attraverso l’inserimento lavorativo di persone detenute.

    Due realtà intorno alle quali è possibile costruire nuova economia oltre ad ampliare quanto già esiste. A Cerignola è già presente un modello di economia circolare che produce inclusione. Tale modello è frutto di una Partnership pubblico-privato che ha portato ad oggi dei risultati considerevoli, ma deve essere ulteriormente consolidato, attraverso una ancor più forte collaborazione sinergica tra gli attori territoriali ed una strategia innovativa di sviluppo sostenibile. Parlarne pubblicamente, con tutti gli attori coinvolti, è la strategia dell’oggi per ampliarne gli orizzonti.