More

    HomeNotizieAttualitàI Revival vincono il music contest "Resisto"

    I Revival vincono il music contest “Resisto”

    La kermesse, organizzata da ResUrb e Parrocchia del Buon Consiglio, si è svolto domenica 28 aprile

    Pubblicato il

    Si è tenuto domenica 28 aprile la prima edizione di Resisto, il contest musicale organizzato dal laboratorio sociale ResUrb e ospitato e cofinanziato dalla Parrocchia del Buon Consiglio. Protagonisti della kermesse tre band locali, giovani ragazzi pronti a mettersi in gioco per saggiare la propria preparazione in campo artistico-musicale.
    I Revival (Matteo Lisanti – voce, tastiere; Gioacchino Lisanti – voce, chitarra; Maria Chiara Conversano – chitarra; Giovanni Rubino – basso; Vincenzo Caldarone – batteria); i Payback (Francesco Cellamare – basso; Antonio Lopez – chitarra; Ferdinando Leone – batteria; Morena Caleandro – voce), e i Jonathan Brave (Matteo Mansi – basso; Giorgio Ronzino – chitarra; Emilia Iacovone – voce; Antonio Distaso – batteria).
    Le formazioni si sono alternate sul palco eseguendo non solo cover ma anche composizioni inedite che hanno trovato l’approvazione del pubblico presente e della giuria che alla fine ha premiato i Revival, che tra gli altri è stata la band che ha osato eseguire brani inediti. Il loro sound, che spazia dal pop-rock alla fusion, ha convinto i giurati che hanno assegnato il primo premio alla band cerignolana che adesso avrà l’opportunità di registrare, in partnership con ResUrb, un singolo ed il relativo videoclip.
    “È stata un’esperienza molto bella, dato che è stata la nostra performance di soli inediti, ma è stato molto entusiasmante eseguirli per la prima volta e dividere il palco con band fantastiche”, ha dichiarato a lanotiziaweb.it il cantante e tastierista Matteo Lisanti. “Eravamo un po’ in ansia, dato il rischio che potesse non piacere la nostra musica”. Adesso i Revival hanno già lo sguardo verso il futuro e sono pronti a proseguire il loro percorso artistico: “Sfrutteremo al meglio questa occasione che il ResUrb ci ha dato, sperando che, a livello locale, si inizi ad essere più sensibili all’ascolto di nuova musica”.