More

    HomeNotizieAttualitàPresentazione della tela de La Deposizione nella Chiesa Madre di Cerignola

    Presentazione della tela de La Deposizione nella Chiesa Madre di Cerignola

    Giovedì 11 aprile l'opera restituita dopo un lavoro di recupero e restauro

    Pubblicato il

    In vista della celebrazione dell’ormai imminente Settimana Santa, all’interno dell’opera di recupero e valorizzazione del patrimonio artistico e storico della Città di Cerignola, giovedì, 11 aprile 2019, con inizio alle ore 20, nella chiesa parrocchiale di San Francesco d’Assisi – la Chiesa Madre – si terrà l’incontro di presentazione dell’intervento di recupero e restauro dell’antico dipinto ad olio su tela de La Deposizione, organizzato dal parroco, sac. Giuseppe Gaeta, in collaborazione con l’Ufficio Diocesano per i Beni Culturali, guidato dal sac. Ignazio Pedone. Il manufatto, risalente al XVI secolo, raffigura la deposizione di Gesù accolto tra le braccia di Maria e san Giovanni apostolo. L’intera scena raffigura il Calvario con le tre croci, e su quelle laterali i due malfattori crocifissi.

    Ad illustrare i contenuti dell’opera di recupero, il maestro restauratore Cosimo Cilli, responsabile del Laboratorio di Restauro e Conservazione di Opere d’Arte di Barletta; spetterà al prof. Angelo Giuseppe Dibisceglia dell’Università Pontificia Salesiana la ricostruzione del rapporto esistente fra Chiesa e società nella Cirignola del XVI secolo, mentre Sua Ecc. Mons. Luigi Renna, vescovo diocesano, guiderà la lettura del dipinto, accompagnando i presenti Dalla meditazione alle contemplazione.

    Al proposito, si legge nella più recente lettera pastorale – Verso la Pasqua. Da un’esistenza sterile ad una vita feconda – del vescovo Renna: “Sono tutte immagini di una tragedia che sembra essere giunta ‘al capolinea’, lì sul Calvario. Invece, quella scena è solo un passaggio della storia della salvezza: quelle stesse persone, colte dal dolore, saranno ‘feconde’ nel mistero pasquale. Maria, la madre di Gesù, sarà la madre dei discepoli del Signore; le donne saranno le prime apostole della risurrezione; il centurione il primo a riconoscere che ‘Davvero quest’uomo era Figlio di Dio!’ (Mc 15,39); il ladrone sarà già nel Regno del suo Compagno di supplizio. Quel gruppo di persone, attorno alla croce, diventa comunità, preludio della comunità pasquale, nella quale il Risorto e lo Spirito Santo, la renderanno feconda”.