pub_728_90
Pubblicità
Sportweb

Ad un passo dal titolo di Masterchef, Maria Teresa: «voglio crescere, investendo su me stessa»

Non è arrivata la vittoria, ma il percorso è stato ugualmente entusiasmante. Maria Teresa Ceglia (tra i tre finalisti) vuole crescere, tornare a casa e dar forma al suo progetto, "Vigneti"

Appena giovedì scorso la finale di MasterChef (non edizione, ndr), momento nel quale a giocarsi il titolo c’era anche la cerignola Maria Teresa Ceglia. La 31enne consulente finanziaria, pur avendo vinto la Misterybox ed avendo ben figurato all’Invention, non è riuscita a spuntarla nella finalissima, la presentazione del proprio menù. La vittoria va ad Antonio Lorenzon, art director 43enne di Bassano del Grappa, che si aggiudica i 100 mila euro e la possibilità di pubblicare un proprio libro di ricette. Alla fine però, nonostante tutto, Maria Teresa Ceglia è stata il vero personaggio del talent: schietta, diretta e con personalità da vendere. L’abbiamo intervistata, per conoscerla meglio e farci raccontare questa esperienza.

Come nasce la tua la tua passione per la cucina, una passione saldamente legata al territorio di Puglia?

«Sono nata e cresciuta fino a 18 anni in Puglia e quindi la passione per la cucina, in generale pugliese, è nata perché son cresciuta in una famiglia dove le ricette tradizionali pugliesi legate al territorio venivano fatte tutti i giorni in casa. Devo la mia passione a mia mamma, a mia nonna, a mia zia, a tutte le donne della mia famiglia che hanno in qualche maniera lasciato un segno e hanno saputo trasmettermi, con il loro saper fare di tutti i giorni, la cucina di casa. Quello che è in realtà una delle cose più belle della cucina, ovvero cucinare per la propria famiglia e farlo non come un dovere ma come un qualcosa di bello. E’ nato tutto da lì».

I tuoi viaggi e la Puglia, hai messo insieme nel menu finale tutto ciò. Quanto è internazionale la cucina pugliese per te?

«C’è stato un grande interesse, soprattutto negli ultimi anni, verso la cucina pugliese, che naturalmente va a contaminare le ricette. In realtà quello che ho cercato di fare nel menù finale è stato fare un percorso un po’ più intimo dove inserire l’amore per la mia terra e per la famiglia e le esperienze di vita che ho fatto con mio marito. Quindi un menù molto personale. Poi il fatto che comunque l’interesse verso la nostra gastronomia sia crescente, io spero che continui sempre. Perché è bello contaminare le nostre ricette ma è anche bello contaminare le ricette del mondo con in nostri ingredienti».

A livello personale tra i tre giudici, Barbieri, Cannavacciuolo e Locatelli, con chi senti di avere più affinità?

«A livello di cucina ognuno di loro ha delle caratteristiche a cui io ambisco. Sicuramente lo chef Cannavacciuolo utilizza degli ingredienti a me molto più familiari e l’ho dimostrato quando ho scelto il suo frigo. Chef Barbieri utilizza degli accostamenti di sapori, delle tecniche che sono estremamente raffinate e belle, che ho cercato di apprendere in tutti i modi durante il percorso a Masterchef. Chef Locatelli ha una raffinatezza nei suoi piatti e un’impronta che ogni piatto che uno chef ambisce a fare dovrebbe avere. A livello personale penso di essere entrata più in sintonia con chef Barbieri forse per una questione di affinità caratteriale».

Lo chef che più ti piace, a cui ti ispiri in particolar modo?

«Paolo Casagrande. Non sapevamo che saremmo andati a Parigi ma ho sperato con tutto il cuore che andassimo invece a Barcellona da lui. Quando poi me lo sono ritrovato davanti nella Master Room per me è stato uno shock. Come chef italiano invece Claudio Sadler».

Maria Teresa è antipasto, primo, secondo o dolce? Alla fine di MasterChef per quale di queste preparazioni ti senti più portata?

«Diciamo che per inclinazione personale i primi e i dolci sono le cose più immediate e che mi vengono più naturali. Gli antipasti si, anche se è evidente che quello della finale non è stata una grande idea. Per i secondi stiamo migliorando: ho sempre amato cucinare il pesce; sulla carne ci stiamo lavorando, stiamo cercando di migliorarci. Ecco, ci sto lavorando tanto».

Durante la finale è comparsa la cartolina di Cerignola (Fg), la masseria dei nonni in agro di Cerignola, tutto racchiuso nel progetto “Vigneti”. Cos’è?

«Oggi è ancora un sogno, nel senso che per poter realizzare comunque un progetto del genere, una delle cose che ti insegna Masterchef è che c’è bisogno di una grande professionalità e di una grande formazione, per arrivare ad avere un’attività e a gestirla con successo. Adesso è un sogno, un progetto nel quale spero di riuscire ad investire nei prossimi mesi, ma prima di tutto investendo sulla mia formazione professionale perché mi so di essere ancora una cuoca amatoriale».

Adesso, dopo MasterChef, chi è e cosa fa ogni giorno Maria Teresa?

«Ho iniziato un percorso di studio, sto frequentando dei corsi di formazione. Ho comunque proseguito nel mio lavoro. Sto impiegando i week-end in una formazione più tecnica e più professionale del mondo della cucina. Nel frattempo sto portando avanti una gravidanza, quindi sono presa da mille cose. Vivo giornate piene».

il_segno
Oropoint_300_250
Ultimi Spazi
Cala la pasta

Ultim'ora

Oggi tre casi di Covid-19 in Puglia, nessuna variazione nella Capitanata

Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, sulla base delle informazioni del direttore del dipartimento Promozione della Salute Vito...

Omicidio Dipaola, nel processo condannato a 22 anni di reclusione il cugino reo confesso

La corte d’assise di Milano ha condannato a 22 anni di reclusione (ed a tre anni di libertà vigilata una volta espiata la pena) Sebastian Ganci, 41 anni,...

In Puglia fissata al 24 settembre la data di riapertura delle scuole

"Suonerà nella seconda metà di settembre la campanella per migliaia di studenti e studentesse della Puglia. L'emergenza sanitaria da Covid 19 ha pesantemente inciso...

Sante Cartagena coordinatore cittadino di Forza Italia giovani

Si aggiungono nuovi tasselli che rilanceranno il movimento giovanile e di conseguenza l'intero movimento di Silvio Berlusconi. Infatti Marzia Spagnuolo ha provveduto a nominare nuovi...

Da sei giorni in Puglia non si registrano casi di Coronavirus

Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, sulla base delle informazioni del direttore del dipartimento Promozione della Salute Vito Montanaro, informa che oggi giovedì...

SOSTIENI LANOTIZIAWEB.IT

LANOTIZIAWEB.IT è il tuo quotidiano, quello che leggi gratis da dieci anni. I giornalisti della Redazione in questo particolare periodo (#emergenzaCoronavirus) stanno lavorando giorno e notte per offrire un’informazione precisa, puntuale ed affidabile. Per supportarci oggi ti chiediamo (se puoi e vuoi) un piccolo contributo. Non è un abbonamento o una sponsorizzazione: sarà una semplice donazione. Grazie!

Dona Adesso

i più letti

Omicidio Dipaola, nel processo condannato a 22 anni di reclusione il cugino reo confesso

La corte d’assise di Milano ha condannato a 22 anni di reclusione (ed a tre anni di libertà vigilata una volta espiata...

Sante Cartagena coordinatore cittadino di Forza Italia giovani

Si aggiungono nuovi tasselli che rilanceranno il movimento giovanile e di conseguenza l'intero movimento di Silvio Berlusconi. Infatti Marzia...

In Puglia fissata al 24 settembre la data di riapertura delle scuole

"Suonerà nella seconda metà di settembre la campanella per migliaia di studenti e studentesse della Puglia. L'emergenza sanitaria da...