L’appello del Prefetto: «Casi di contagio e morti sono troppi. Rimanete a casa»

0
548

Si annunciano ulteriori controlli dalla Prefettura di Foggia, con il Prefetto Raffaele Grassi che  conferma l’inasprimento dei controlli e delle sanzioni a chi contravverrà a quanto disposto dai decreti nazionali per la limitazione e la diffusione del contagio da Covid-19.

«Rimanete a casa» ha tuonato Grassi. «E’ ora necessario continuare a rispettare le regole di distanziamento sociale. Noto che in questi giorni, in alcune aree della Capitanata, non si rispettano compiutamente le regole di comportamento. Rimanete a casa e uscite solo per le ragioni consentite e solo per queste».

«I servizi delle forze dell’ordine sono intensificati per il 25 e il 26 aprile e venerdì 1, ma ognuno sia controllore di se stesso. I casi di contagio a Foggia e provincia e i morti per il “Covid 19” sono troppi» lamenta il Prefetto.

«La battaglia contro questo virus si vince solo con il distanziamento sociale, in attesa che vengano individuati medicinali e vaccini adeguati. Facciamo ancora uno sforzo. La ‘fase 2’ deve ancora iniziare e i risultati finora ottenuti non possono essere vanificati da condotte scriteriate e irresponsabili.Nelle prossime festività saranno utilizzati da alcuni Comuni della Capitanata anche droni per l’osservazione dall’alto del territorio e per i conseguenti interventi».