Pubblicità
pub_728_90
Sportweb

Lavoro in Sicurezza: per Costruire il Futuro, il Primo Maggio di CGIL-CISL-UIL Foggia

"Fisicamente distanti ma idealmente accomunati dalla difesa del lavoro"

“Lavoro in Sicurezza: per Costruire il Futuro”: è questo lo slogan che CGIL CISL e UIL nazionali hanno scelto quest’anno per la giornata del Primo Maggio. In seguito al protrarsi dell’emergenza COVID-19, sarà per la prima volta dalla Liberazione del Fascismo una giornata del Lavoro che non potrà viversi partecipando a manifestazioni pubbliche, ancora molto sentite nella nostra provincia.

“Ciò non toglie che proprio in virtù di quanto il Paese sta vivendo il lavoro è tema fondamentale che deve essere protagonista quotidianamente nel dibattito pubblico: abbiamo visto quanto è stato importante il lavoro per affrontare l’emergenza, per curare, assicurare l’approvvigionamento dei beni di prima necessità, per i trasporti, la sicurezza. Allo stesso modo il lavoro – sicuro, legale, rispettoso della dignità di ognuno – dovrà essere la leva fondamentale per la ripresa economica e sociale dell’Italia”, affermano i segretari generali di CGIL-CISL-UIL Foggia, Maurizio Carmeno, Carla Costantino e Gianni Ricci.

Al disagio sociale che già vivevano i nostri territori, “si sommano oggi gli effetti della crisi causata dalla pandemia, che più duramente farà sentire il suo portato in territori strutturalmente deboli come la Capitanata – ricordano Carmeno, Costantino e Ricci -. Se prima della diffusione del virus ci interrogavamo sulle soluzioni possibili per rilanciare gli investimenti e l’occupazione, a maggior ragione oggi tutti gli attori sociali e istituzionali devono rivendicare una forte attenzione da parte del Governo centrale, investimenti pubblici su infrastrutture materiali e immateriali capaci di attrarre risorse private e creare nuove opportunità di lavoro. A maggior ragione se prima della pandemia ponevamo con forza il tema della lotta alla criminalità organizzata, oggi gli sforzi vanno centuplicati per evitare che chi perde il lavoro o non può accedere alle misure della legge “Cura Italia” possa prestare il fianco a nuove e letali infiltrazioni criminali”.

CGIL-CISL-UIL Foggia “sono oggi impegnate ai tavoli istituzionali affinché la cosiddetta fase 2 non esponga i lavoratori a rischi di contagio e che tutte le misure dei protocolli per la sicurezza siano applicati. È quanto chiediamo alla Prefettura attraverso l’attivazione delle Commissioni territoriali. In una realtà dove già forte è l’elusione di norme contrattuali e sulla sicurezza, fatta di un vasto tessuto di piccole e medie imprese, dovrà essere assicurato un adeguato servizio di controllo a garanzia della sicurezza di chi lavora e di tutto il territorio”. Allo stesso modo “serve dare risposte urgenti in termini di sostegno economico, a partire dalle 4.700 imprese che hanno fatto richiesta di cassa in deroga e che interessa oltre 16mila occupati, per indennizzi che toccano i 19,5 milioni di euro. Vanno accelerate le procedure di pagamento ancora troppo lente”.

Infine, CGIL-CISL-UIL Foggia chiedono alle istituzioni un maggior coinvolgimento rispetto ai piani sanitari di contenimento del virus e all’organizzazione della fase di post acuzie. “Il contagio non è superato del tutto, nessuno deve avere fretta in tal senso, e leggiamo ancora di troppi sanitari che contraggono il Covid-19. A proposito di lavoro sicuro quella sanitaria è la prima linea e quella che più di tutte va difesa se vogliamo superare questa pandemia e uscire dall’emergenza pensando a programmi di rilancio economico e produttivo della Capitanata. A tutti i lavoratori che anche durante il lockdown non hanno smesso di prestare la propria opera perché occupati in settori essenziali va il nostro grazie a nome di tutti i cittadini. E a tutti, a chi ha un impiego e chi un impiego lo cerca, l’augurio di un Buon Primo Maggio, che seppur di distanziamento sociale possa più che mai avvicinarci idealmente per la difesa del fondamento della nostra Repubblica: il lavoro”.

il_segno
Oropoint_300_250
Ultimi Spazi
Cala la pasta

Ultim'ora

Cinque anni fa si votava per il Sindaco. Alla fine vinsero Metta… e le infiltrazioni mafiose

Cinque anni fa, il 31 maggio 2015, Cerignola era chiamata a scegliere il suo nuovo Sindaco. Ebbe luogo il...

Covid e ristorazione, Didonna: «Non abbiamo subito riaperto, ci siamo reinventati»

Sofferenza conclamata quella del comparto ristorazione, che nonostante la riapertura vede e vedrà ridursi sensibilmente gli introiti a fronte di costi pressoché invariati. «Gran...

Oggi 31 maggio in Puglia quattro casi di Covid-19, due in Capitanata

Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, sulla base delle informazioni del direttore del dipartimento Promozione della Salute Vito Montanaro, informa che oggi domenica...

Domanda di cura inevasa per mesi, ma il Pd plaude all’operato di Piazzolla

«La ripresa graduale delle attività ambulatoriali e ospedaliere del P. O. Giuseppe Tatarella di Cerignola dimostra che, per risolvere le criticità, non serve urlare,...

Revoca Palazzo Fornari, parla l’associazione Fosse Granarie

Non tarda ad arrivare la replica dell'Associazione Fosse Granaria dopo revoca la concessione dell'uso gratuito di Palazzo Fornari. Nello specifico l'azienda precisa: «la nostra...

SOSTIENI LANOTIZIAWEB.IT

LANOTIZIAWEB.IT è il tuo quotidiano, quello che leggi gratis da dieci anni. I giornalisti della Redazione in questo particolare periodo (#emergenzaCoronavirus) stanno lavorando giorno e notte per offrire un’informazione precisa, puntuale ed affidabile. Per supportarci oggi ti chiediamo (se puoi e vuoi) un piccolo contributo. Non è un abbonamento o una sponsorizzazione: sarà una semplice donazione. Grazie!

Dona Adesso

i più letti

Video dell’incidente in viale di Ponente

Dopo la cronaca dell'incidente avvenuto lo scorso 24 maggio e il racconto (con scuse) del protagonista, ecco le immagini dell'impatto...

Covid e ristorazione, Didonna: «Non abbiamo subito riaperto, ci siamo reinventati»

Sofferenza conclamata quella del comparto ristorazione, che nonostante la riapertura vede e vedrà ridursi sensibilmente gli introiti a fronte...

Cinque anni fa si votava per il Sindaco. Alla fine vinsero Metta… e le infiltrazioni mafiose

Cinque anni fa, il 31 maggio 2015, Cerignola era chiamata a scegliere il suo nuovo Sindaco. Ebbe luogo il...