Sportweb
pub_728_90
Pubblicità

Fase 2, controlli presso le aziende: ammende per 15mila euro per inosservanza prescrizioni

Le ispezioni proseguiranno anche nei prossimi giorni, con l'obiettivo rivolto anche sui lavoratori in nero

Con la ripresa delle attività lavorative presso le aziende, sono iniziati i controlli dedicati da parte dei Carabinieri del Comando Provinciale di Foggia: le Compagnie e le Stazioni territorialmente competenti, con l’ausilio del personale del Nucleo Ispettorato del Lavoro, stanno effettuando le verifiche per il rispetto delle misure di sicurezza “anti Covid” nei luoghi di lavoro. Come è noto, il D.P.C.M. del 26 marzo 2020 (all’allegato 6) prevede una serie di misure di prevenzione e contenimento della diffusione del COVID-19, che devono essere attuate sia dai datori di lavoro sia dai dipendenti, in modo da rendere gli ambienti ove si esplica l’attività lavorativa il più possibile asettici.

Sono state effettuate sin qui 58 ispezioni ad aziende nel territorio della provincia e contestate 5 violazioni amministrative per inosservanza dell’art. 4 D.L. 25 marzo 2020 nr. 19 (mancanza di affissione in azienda dei depliants informativi, mancanza di pulizia giornaliera e sanificazione periodica dei locali, degli ambienti e delle postazioni di lavoro, assenza di idonei detergenti per le mani, assenza di controllo temperatura corporea al personale che accede in azienda) ai titolari che non avevano osservato le misure attuative previste dal protocollo d’intesa sottoscritto dalle parti sociali e allegati al citato DPCM. Elevate ammende per un importo totale di 15mila euro, con l’ammonimento per i datori di lavoro sulla necessità di osservare la normativa vigente anti contagio per la tutela dei propri dipendenti.

La verifica sull’attuazione delle misure di tutela della sicurezza del lavoro proseguiranno anche nei prossimi giorni su molteplici aziende con lo scopo primario di garantire il più alto livello di prevenzione della diffusione del virus. Le aziende sono monitorate anche per evitare l’impiego di lavoratori in “nero” che, soprattutto in questa fase di emergenza sanitaria, non godono di alcuna tutela sia dal punto di vista contrattuale che sanitario, diventando anche potenziali veicoli di epidemia e contagio.

il_segno
Oropoint_300_250
Ultimi Spazi
Cala la pasta

Ultim'ora

Cinque anni fa si votava per il Sindaco. Alla fine vinsero Metta… e le infiltrazioni mafiose

Cinque anni fa, il 31 maggio 2015, Cerignola era chiamata a scegliere il suo nuovo Sindaco. Ebbe luogo il...

Covid e ristorazione, Didonna: «Non abbiamo subito riaperto, ci siamo reinventati»

Sofferenza conclamata quella del comparto ristorazione, che nonostante la riapertura vede e vedrà ridursi sensibilmente gli introiti a fronte di costi pressoché invariati. «Gran...

Oggi 31 maggio in Puglia quattro casi di Covid-19, due in Capitanata

Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, sulla base delle informazioni del direttore del dipartimento Promozione della Salute Vito Montanaro, informa che oggi domenica...

Domanda di cura inevasa per mesi, ma il Pd plaude all’operato di Piazzolla

«La ripresa graduale delle attività ambulatoriali e ospedaliere del P. O. Giuseppe Tatarella di Cerignola dimostra che, per risolvere le criticità, non serve urlare,...

Revoca Palazzo Fornari, parla l’associazione Fosse Granarie

Non tarda ad arrivare la replica dell'Associazione Fosse Granaria dopo revoca la concessione dell'uso gratuito di Palazzo Fornari. Nello specifico l'azienda precisa: «la nostra...

SOSTIENI LANOTIZIAWEB.IT

LANOTIZIAWEB.IT è il tuo quotidiano, quello che leggi gratis da dieci anni. I giornalisti della Redazione in questo particolare periodo (#emergenzaCoronavirus) stanno lavorando giorno e notte per offrire un’informazione precisa, puntuale ed affidabile. Per supportarci oggi ti chiediamo (se puoi e vuoi) un piccolo contributo. Non è un abbonamento o una sponsorizzazione: sarà una semplice donazione. Grazie!

Dona Adesso

i più letti

Video dell’incidente in viale di Ponente

Dopo la cronaca dell'incidente avvenuto lo scorso 24 maggio e il racconto (con scuse) del protagonista, ecco le immagini dell'impatto...

Covid e ristorazione, Didonna: «Non abbiamo subito riaperto, ci siamo reinventati»

Sofferenza conclamata quella del comparto ristorazione, che nonostante la riapertura vede e vedrà ridursi sensibilmente gli introiti a fronte...

Cinque anni fa si votava per il Sindaco. Alla fine vinsero Metta… e le infiltrazioni mafiose

Cinque anni fa, il 31 maggio 2015, Cerignola era chiamata a scegliere il suo nuovo Sindaco. Ebbe luogo il...