pub_728_90
Sportweb
Pubblicità

Caos sanitario in Capitanata. Gentile: «cittadini senza cure, gestione disastrosa»

Caos nell’ASL Foggia, con la querelle circa le dimissioni del Direttore Sanitario Antonio Nigri che ha occupato l’intero week-end. Dalle pagine della Gazzetta del Mezzogiorno, a firma Massimo Levantaci, si è appreso ieri della ricomposizione della frattura. «Antonio Nigri, dimissionario due giorni fa, è tornato al suo posto previo un chiarimento con il direttore generale Vito Piazzolla e il capo dipartimento Vito Montanaro. Incidente chiuso? “Ci siamo spiegati, c’erano alcuni punti da chiarire. Il tempo non c’era stato finora per approfondire alcune questioni – spiega il direttore generale – siamo stati travolti dall’emergenza e anche ora che siamo in avanzata fase 2 non ne siamo ancora usciti del tutto”» si legge sul quotidiano.

Sull’accaduto è dunque intervenuta Elena Gentile, ex-assessore alla Sanità in Puglia che ha bollato la cosa «una tempesta in un bicchier d’acqua». Ma oltre il fatto «la gestione dei servizi sanitari in provincia di Foggia era, e rimane, disastrosa – precisa la pediatra cerignolana -. Prima o poi il Direttore Generale della Asl dovrà darne conto. E il Presidente della Regione Puglia, nonché Assessore Regionale alle Politiche Sanitarie, non potrà che prenderne atto, assumendo le decisioni conseguenti affidando ad altri l’incarico di Direttore generale. Aumenta di giorno in giorno, infatti, il numero di coloro che manifestano grande preoccupazione e disappunto per il silenzio assordante della ASL Foggia sui tempi della ripresa delle attività di diagnosi e cura che interessano tantissimi pazienti. Visite specialistiche, esami di laboratorio e di diagnostica per immagini che centinaia di pazienti affetti da patologie croniche, anche particolarmente gravi ed insidiose, attendono ormai da troppo tempo. Senza dimenticare i cittadini già in lista d’attesa da mesi per interventi chirurgici programmati. E senza trascurare le conseguenze, anche drammatiche sulla salute e sulla vita delle persone, determinate dall’interruzione della attività di screening per la prevenzione dei tumori, soprattutto di quelli per i quali il fattore tempo non è una variabile ininfluente per il successo delle cure».

Un quadro che di certo non restituisce un’immagine brillante del sistema sanitario di Capitanata, una delle aree più colpite dell’intera regione e che ha gestito meno bene l’emergenza, al di là di quel che dicono in contesti pubblici “gli interessati” di partito. «Ad oggi, migliaia di pazienti sono ancora in attesa di poter varcare gli ingressi degli Ospedali e dei poliambulatori – prosegue -. E questo sia nella Città capoluogo di provincia e nelle altre medio grandi, sia nei piccoli centri del Gargano e dei Monti Dauni. E, spesso, parliamo di persone che non potranno forse neanche tornare al lavoro. Insomma, il danno della precarietà della salute, e la beffa della precarietà del lavoro. Per non parlare dei tanti operatori del comparto sanitario che rimangono ancora in attesa di un tampone, di un test sierologico, di dispositivi di protezione individuale. Tutto questo per l’oggi. Ma all’orizzonte già si intravede il progetto di riorganizzazione dei servizi, del potenziamento degli stabilimenti ospedalieri, e della riforma radicale della medicina territoriale, così come elaborato per il futuro prossimo dal Governo Nazionale. Al Presidente della Regione la domanda delle cento pistole, la più preziosa di tutte: potrà permettersi la sanità pubblica di questa provincia di arrivare a quel decisivo appuntamento con l’attuale Direttore Generale della ASL?» conclude domandandosi la Gentile.

il_segno
Oropoint_300_250
Ultimi Spazi
Cala la pasta

Ultim'ora

Cinque anni fa si votava per il Sindaco. Alla fine vinsero Metta… e le infiltrazioni mafiose

Cinque anni fa, il 31 maggio 2015, Cerignola era chiamata a scegliere il suo nuovo Sindaco. Ebbe luogo il...

Covid e ristorazione, Didonna: «Non abbiamo subito riaperto, ci siamo reinventati»

Sofferenza conclamata quella del comparto ristorazione, che nonostante la riapertura vede e vedrà ridursi sensibilmente gli introiti a fronte di costi pressoché invariati. «Gran...

Oggi 31 maggio in Puglia quattro casi di Covid-19, due in Capitanata

Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, sulla base delle informazioni del direttore del dipartimento Promozione della Salute Vito Montanaro, informa che oggi domenica...

Domanda di cura inevasa per mesi, ma il Pd plaude all’operato di Piazzolla

«La ripresa graduale delle attività ambulatoriali e ospedaliere del P. O. Giuseppe Tatarella di Cerignola dimostra che, per risolvere le criticità, non serve urlare,...

Revoca Palazzo Fornari, parla l’associazione Fosse Granarie

Non tarda ad arrivare la replica dell'Associazione Fosse Granaria dopo revoca la concessione dell'uso gratuito di Palazzo Fornari. Nello specifico l'azienda precisa: «la nostra...

SOSTIENI LANOTIZIAWEB.IT

LANOTIZIAWEB.IT è il tuo quotidiano, quello che leggi gratis da dieci anni. I giornalisti della Redazione in questo particolare periodo (#emergenzaCoronavirus) stanno lavorando giorno e notte per offrire un’informazione precisa, puntuale ed affidabile. Per supportarci oggi ti chiediamo (se puoi e vuoi) un piccolo contributo. Non è un abbonamento o una sponsorizzazione: sarà una semplice donazione. Grazie!

Dona Adesso

i più letti

Video dell’incidente in viale di Ponente

Dopo la cronaca dell'incidente avvenuto lo scorso 24 maggio e il racconto (con scuse) del protagonista, ecco le immagini dell'impatto...

Covid e ristorazione, Didonna: «Non abbiamo subito riaperto, ci siamo reinventati»

Sofferenza conclamata quella del comparto ristorazione, che nonostante la riapertura vede e vedrà ridursi sensibilmente gli introiti a fronte...

Cinque anni fa si votava per il Sindaco. Alla fine vinsero Metta… e le infiltrazioni mafiose

Cinque anni fa, il 31 maggio 2015, Cerignola era chiamata a scegliere il suo nuovo Sindaco. Ebbe luogo il...