More

    HomeNotizieCulturaRevoca Palazzo Fornari, parla l'associazione Fosse Granarie

    Revoca Palazzo Fornari, parla l’associazione Fosse Granarie

    Pubblicato il

    Non tarda ad arrivare la replica dell’Associazione Fosse Granaria dopo revoca la concessione dell’uso gratuito di Palazzo Fornari. Nello specifico l’azienda precisa: «la nostra associazione ha partecipato ad una gara d’appalto che prevedeva l’affidamento in concessione gratuita del Laboratorio Urbano denominato “Officina Arti della Città di Cerignola”, che a spese proprie ha provveduto a ridipingere tutte le stanze a noi affidate, a manutenere l’intero immobile, a trasformare in giardino la discarica pubblica dell’area retrostante, a garantire libero accesso a tutte le realtà associative artistico culturali del territorio, a garantire 65 giorni l’anno il pieno utilizzo al Comune di Cerignola, a realizzare gratuitamente, per conto del Comune di Cerignola, una lunga serie di eventi, ad ospitare gratuitamente associazioni e gruppi bisognosi di luoghi e aree di incontro, a creare gratuitamente le condizioni affinché giovani imprenditori, artisti, sportivi potessero esprimersi, a collaborare fattivamente e gratuitamente con la parrocchia e le scuole del territorio. Si sottolinea che la gestione della Sala Convegni del primo piano fu inserita nella gara d’appalto da noi vinta».

    E aggiungono: «Ringraziamo quanti hanno collaborato con noi in questo splendido progetto, quanti hanno frequentato assiduamente la struttura, quanti hanno avuto modo di vedere nella nostra gestione la propria gestione, quanti si sono affacciati timidamente trovando ampi spazi per esprimersi. A tutti loro comunichiamo che abbiamo adito a vie legali, che a breve depositeremo il ricorso al TAR Puglia. Non abbiamo bisogno di giustificarci o di dare ulteriori spiegazioni».