More

    HomeNotizieCultura“Capaci” di non dimenticare. Il Pavoncelli ricorda la strage di mafia

    “Capaci” di non dimenticare. Il Pavoncelli ricorda la strage di mafia

    Pubblicato il

    23 maggio 2020, XXVIII anniversario della stragrande di Capaci. Anche a distanza l’IISS Pavoncelli promuove il progetto “Capaci di non dimenticare”. Le attività, coordinate da Anastasia Balacco e Marinella Caputo, docenti di lettere del Pavoncelli, e condivise con la “Fondazione Falcone”, hanno coinvolto gli studenti a riflettere sull’incidenza della MAFIA a Cerignola in termini di deturpamento del paesaggio naturale. Gli studenti indossano maschere, simbolo dell’omertà, mostrano immagini deturpate del territorio e presentano frasi omertose; si esce all’aperto e subentra la messa al bando dell’omertà, la forza della denuncia consapevole e la necessità di riflettere su quanto DIRE LA VERITÀ sia un atto rivoluzionario.

    Il 23 maggio è ormai un appuntamento stabile per il Pavoncelli, che ogni anno commemora Capaci per ricordare i servitori dello Stato: il giudice Giovanni Falcone, sua moglie Francesca Morvillo e gli uomini della scorta Antonio Molinari, Rocco Di Cillo e Vito Schisano, ma anche e soprattutto per “educare” le nuove generazioni alla legalità come stile, comportamento e unica opportunità di sviluppo per il nostro territorio.

    “A questa città (a Cerignola dicono i ns studenti) vorrei dire: gli uomini passano, le idee restano. Restano le loro tensioni morali e continueranno a camminare sulle gambe di altri uomini.” (G. Falcone).