More

    HomeEditorialeCoronavirus, alti i numeri in Capitanata. Asl e politica fermi a guardare

    Coronavirus, alti i numeri in Capitanata. Asl e politica fermi a guardare

    Pubblicato il

    E’ la Capitanata il territorio in proporzione più segnato dall’emergenza Coronavirus. Un triste record figlio di alcuni fattori precisi: un modello sanitario discutibile, un territorio complesso, la scarsa attitudine alla disciplina. Ma innanzitutto il modello organizzativo e gestionale dell’emergenza. In sintesi l’ASL Foggia. La Direzione Generale, guidata da Vito Piazzolla, ha dimostrato nei fatti di non avere un’idea circostanziata; questo riorganizzando (gli ospedali), modificando (le dotazioni dei reparti), accorpando (i reparti), chiudendo (i reparti), spostando (il personale). Un’idea che individua posti Covid in diversi ospedali, moltiplicando a dismisura le occasioni di contagio. Un modello che non è allineato alle direttive del Ministero della Salute: ospedali Covid dedicati per permettere agli altri presidi di svolgere il proprio. E infatti si poteva organizzare il tutto come a Bari. Solo un ospedale Covid – una porzione del Policlinico o il D’Avanzo – e lasciare che tutti gli altri presidi (Cerignola, San Severo, Manfredonia e i piccoli ospedali territoriali) svolgessero le prestazioni più urgenti per i territori. Perché durante l’emergenza non ci si ammala solo di Covid. Perché i contagi nei nosocomi sono all’ordine del giorno (tra utenza e sanitari). Perché la Provincia di Foggia ha un dato troppo alto, in proporzione. Perché realmente in Capitanata qualcosa non va.

    E la politica (nell’intera provincia), quella che esulta quando si riesce a salvare un reparto, sta davvero pensando ai cittadini oppure gioca a tenersi buona l’ASL? Magari per interessi che travalicano la politica in senso stretto. E dunque responsabilità con la R maiuscola. Gli operatori e dipendenti ASL non protestano per non rischiare nulla. La politica non parla in virtù di una tregua del “volemose bene”. Restano i giornali – e ve ne racconteremo delle belle -, finché non arriva la solita querela intimidatoria (e in genere arriva, ndr), che fa compagnia ad altra carta sullo scaffale.

    Ultimora

    Procuratore Bari, «Puglia nuova terra dei fuochi»

    «Parlare della Puglia come di nuova terra dei fuochi è un dato di realtà,...

    Questione ruolo Savino Bonito, Metta si rivolge al Prefetto e al Garante della Protezione Dati

    Secondo dichiarazioni rilasciate negli ultimi giorni da un consigliere comunale di maggioranza e trapelate...

    L’importanza del filtro dell’olio: quando sostituirlo?

    Come riconoscere le problematiche legate al filtro dell’olio? È una delle componenti più importanti...

    I bookmaker non AAMS e la legge italiana: cosa bisogna sapere

    Immergersi nel vasto e complesso universo del gambling online è un'avventura che richiede non...

    Audace Cerignola, indetta la “giornata gialloblù” in occasione del match con l’Avellino

    L’Audace Cerignola si tuffa nel rush finale della stagione regolare, per cercare di ottenere...

    “Pietra di Scarto” presenta “Sfruttamento e Caporalato in Italia” a cura di Marco Omizzolo

    Si svolgerà venerdì 1° Marzo a partire dalle ore 18.30 presso Palazzo Fornari a...

    Altro su lanotiziaweb.it

    Procuratore Bari, «Puglia nuova terra dei fuochi»

    «Parlare della Puglia come di nuova terra dei fuochi è un dato di realtà,...

    Questione ruolo Savino Bonito, Metta si rivolge al Prefetto e al Garante della Protezione Dati

    Secondo dichiarazioni rilasciate negli ultimi giorni da un consigliere comunale di maggioranza e trapelate...

    L’importanza del filtro dell’olio: quando sostituirlo?

    Come riconoscere le problematiche legate al filtro dell’olio? È una delle componenti più importanti...