More

    HomeNotizieAttualità"È tempo di prendersi cura…", il messaggio alla Comunità diocesana del vescovo...

    “È tempo di prendersi cura…”, il messaggio alla Comunità diocesana del vescovo Luigi Renna

    Pubblicato il

    Si lascia ispirare dai «misteri della gioia e dell’infanzia di Gesù Cristo» il vescovo Luigi Renna nel messaggio pronunciato al termine del pellegrinaggio spirituale che, organizzato dall’Ufficio Diocesano per la Pastorale Familiare nel pomeriggio di sabato, 14 novembre 2020 – nel pieno rispetto delle norme per il contenimento del Covid-19 – ha polarizzato, con la recita del Santo Rosario, la preghiera delle famiglie presenti “in” o collegate “con la” cattedrale dalle chiese parrocchiali sulla pagina Facebook diocesana, per compiere anche quest’anno, nonostante la pandemia, l’atto di affidamento alla Regina della Famiglia. «Sono tutti gesti di cura», ha ricordato il Vescovo, i gesti compiuti da Maria, «quelli di una Madre che diventa il paradigma e l’esempio del nostro prenderci cura, di quei gesti che ci rendono più umani» perché, come afferma il filosofo Martin Heidegger, «la cura è la struttura stessa dell’esistenza».

    Per il pastore della Chiesa locale è «tempo di prendersi cura» soprattutto dei «più fragili e dei più esposti al Covid-19», identificati nei malati e negli anziani che, a Cerignola come ad Ascoli Satriano, a Candela come a Carapelle, ad Ordona come a Orta Nova, a Rocchetta Sant’Antonio, a Stornara e a Stornarella, sono «i nostri nonni e genitori», evitando «contatti diretti, spostandosi il meno possibile, rinunciando a riunioni conviviali che, in questo momento – ha evidenziato Renna – potrebbero rivelarsi l’opposto della familiarità perché portatrici di contagio», senza dimenticare di usare «sempre e dovunque le mascherine». Né è mancata, nella riflessione del Vescovo, accanto al ricordo carico di gratitudine per quanti, «per vocazione e professione», sono chiamati «a prendersi cura» degli altri – i «medici e operatori sanitari del nostro Ospedale e delle nostre comunità», i «presidi e docenti che curano le relazioni educative a distanza», i «parroci e catechisti che s’ingegnano in ogni modo per non trascurare la vita spirituale» – l’attenzione nei confronti di coloro che, colpiti dagli effetti della pandemia, sono stati costretti ad «abbassare la saracinesca»: «Prendiamoci cura della salute con urgenza e tempestività, per poterci prendere cura anche dell’economia già precaria del nostro territorio».

    Alla vigilia della “Giornata del Povero”, alla scuola di papa Francesco, il Vescovo ha sollecitato la comunità diocesana a sentirsi accogliente destinataria dell’invito rivolto dal pontefice nel tendere «la mano al povero», ricordando che «nelle Caritas parrocchiali e nei luoghi diocesani c’è bisogno di mani tese, di cuori in ascolto!». «Davanti a noi – è stata l’esortazione finale – c’è un autunno che va verso l’inverno, che potrà essere lungo e pesante a causa della pandemia. Prendiamoci cura gli uni degli altri e la primavera arriverà in fretta, “anticipata” dalla nostra fede, dalla nostra speranza, dal nostro amore. Siate “cura” gli uni per gli altri!».

    IL MESSAGGIO INTEGRALE DI MONS. LUIGI RENNA

    Carissimi,

    al termine del “pellegrinaggio spirituale” all’Icona della Madonna di Ripalta, raccogliamo il messaggio che ci viene dalla meditazione dei misteri della gioia e dell’infanzia di Gesù Cristo. Davanti agli occhi della nostra mente sono passate le immagini in cui abbiamo contemplato Maria e Giuseppe prendersi cura del Figlio di Dio che, nella sua umanità, si è manifestato piccolo e fragile: Maria accoglie il dono della maternità, una vita nascente che “sente” nel suo grembo di donna, che nutre e custodisce per nove mesi; si reca premurosa dall’anziana cugina Elisabetta, fragile ma portatrice di vita; accoglie con Giuseppe il neonato Gesù e lo avvolge in fasce, e con il suo sposo lo difende, fuggendo in Egitto, con le fughe proprie dei migranti del nostro tempo; lo presenta al Tempio e sente già, in quel quarantesimo giorno dalla nascita, che ogni dolore che sarà inferto a suo Figlio le trapasserà il cuore; e, infine, con Giuseppe, lo cerca per le strade di Gerusalemme, come ogni madre che scruta incerta il futuro dei figli ed è in apprensione per essi. Sono tutti gesti di cura, quelli di una Madre che diventa il paradigma e l’esempio del nostro prenderci cura, di quei gesti che ci rendono più umani perché, come afferma un filosofo contemporaneo, “la cura è la struttura stessa dell’esistenza” (Heidegger). È tempo di prendersi cura. Dei più fragili e dei più esposti al Covid-19, i malati e gli anziani, i nostri nonni e genitori. Come farlo, se non evitando contatti diretti, spostandosi il meno possibile, rinunciando a riunioni conviviali che, in questo momento, potrebbero rivelarsi l’opposto della familiarità perché portatrici di contagio. Usare sempre e dovunque le mascherine. Prendiamoci cura delle nostre Città, della gente più fragile di ciascuna di esse: Cerignola, Ascoli Satriano, Candela, Carapelle, Ordona, Orta Nova, Rocchetta Sant’Antonio, Stornara, Stornarella. Esprimiamo il nostro grazie a chi, per vocazione e professione, è chiamato a prendersi cura: medici e operatori sanitari del nostro Ospedale e delle nostre comunità; presidi e docenti che curano le relazioni educative a distanza; parroci e catechisti che s’ingegnano in ogni modo per non trascurare la vita spirituale. Prendiamoci cura della salute con urgenza e tempestività, per poterci prendere cura anche dell’economia già precaria del nostro territorio. Se non avremo questa premura, rischieremo di prolungare questo tempo in cui tante attività sono state costrette ad abbassare la saracinesca. Domani è la “Giornata del Povero” e il Papa ci ha lanciato un bel messaggio: “Tendi la mano al povero!” (cfr. Sir 7,32). Sentiamolo come un invito rivolto in prima persona a noi: cosa faccio per i poveri? In termini di condivisione, ma anche in termini di tempo: quanto tempo dono loro? Nelle Caritas parrocchiali e nei luoghi diocesani c’è bisogno di mani tese, di cuori in ascolto! Davanti a noi c’è un autunno che va verso l’inverno, che potrà essere lungo e pesante a causa della pandemia. Prendiamoci cura gli uni degli altri e la primavera arriverà in fretta, “anticipata” dalla nostra fede, dalla nostra speranza, dal nostro amore. Siate “cura” gli uni per gli altri! Maria Santissima, donna, sposa e madre, preghi per noi.

    † Luigi Renna

    Vescovo di Cerignola-Ascoli Satriano

    Ultimora

    Gioco d’azzardo: l’Italia supera i 140 miliardi di euro l’anno, con la Puglia oltre la media nazionale di spesa pro capite

    In Italia, il gioco d’azzardo ha sempre attirato moltissime persone. Prima dell’arrivo di altre...

    “Pacco dei Banditi” 2023: lancio e presentazione del libro “Sfruttamento e Caporalato in Italia”

    Con l’arrivo del Natale torna il “Pacco dei Banditi”, la strenna natalizia della Cooperativa...

    Consiglio comunale del 30 novembre, integrati altri punti all’ordine del giorno

    In seguito alla richiesta di convocazione urgente del Consiglio Comunale inoltrata dal sindaco di...

    Foggia, racket della prostituzione: otto le persone arrestate dai Carabinieri | Video

    https://youtu.be/5aLjBJujXng I Carabinieri della Compagnia di Foggia hanno eseguito una ordinanza di custodia cautelare in...

    Don Maurizio Patriciello a Cerignola, venerdì 1° dicembre alle 19

    Nell’ambito della novena in preparazione alla festa della Immacolata Concezione, il Consiglio Pastorale della...

    Venerdì 1° dicembre l’arte incontra la bellezza in un salone di Cerignola

    Donne che sponsorizzano donne, la cultura che abbraccia i mestieri. Questa l’idea dell’hair stylist...

    Altro su lanotiziaweb.it

    Gioco d’azzardo: l’Italia supera i 140 miliardi di euro l’anno, con la Puglia oltre la media nazionale di spesa pro capite

    In Italia, il gioco d’azzardo ha sempre attirato moltissime persone. Prima dell’arrivo di altre...

    “Pacco dei Banditi” 2023: lancio e presentazione del libro “Sfruttamento e Caporalato in Italia”

    Con l’arrivo del Natale torna il “Pacco dei Banditi”, la strenna natalizia della Cooperativa...

    Consiglio comunale del 30 novembre, integrati altri punti all’ordine del giorno

    In seguito alla richiesta di convocazione urgente del Consiglio Comunale inoltrata dal sindaco di...