More

    HomeNotizieItaliaFai da te: guida completa al cambio degli pneumatici

    Fai da te: guida completa al cambio degli pneumatici

    Pubblicato il

    In questa guida andremo a darvi alcuni preziosi consigli su come cambiare in tutta sicurezza gli pneumatici. Anche al guidatore più esperto può capitare di imbattersi in situazioni d’emergenza, come trovarsi con una gomma forata. Di seguito vi parleremo di quali attrezzi portare sempre con voi, in modo da rendere il cambio di pneumatici semplice e veloce.

    Ogni quanto si sostituiscono gli pneumatici?

    La durata delle gomme è condizionata essenzialmente da due fattori, ovvero le condizioni di utilizzo e il loro stato di immagazzinamento prima dell’acquisto. Parliamo di due elementi fortemente variabili, infatti delle condizioni di utilizzo fanno parte anche le modalità di carico dell’auto, la velocità con la quale si viaggia, il mantenimento della giusta pressione degli pneumatici, la tipologia di strade percorse, la loro esposizione agli agenti atmosferici ambientali e la frequenza degli urti ricevuti. Quindi, considerando che l’usura delle gomme è determinata da diversi fattori, non è semplice stabilire con esattezza il momento preciso per cambiare gli pneumatici. Secondo i principali fornitori, il consiglio ai propri consumatori è di effettuare almeno un controllo ogni anno, subito dopo che vengono superati i cinque anni di proprietà del veicolo. Nonostante il limite di usura è previsto dopo i dieci anni di utilizzo, la sostituzione degli pneumatici risulta necessaria anche considerando la soglia d’usura stabilita dalle normative. Generalmente, coloro che utilizzano abbastanza frequentemente la propria auto, quindi anche per lavoro, tendono ad effettuare la sostituzione degli pneumatici ogni venti-quarantamila chilometri percorsi.

    Come verificare l’usura degli pneumatici

    Prima di chiedersi quando l’usura è tale da richiedere la sostituzione dei pneumatici, è bene sapere esaminare in modo attento il battistrada, ovvero quell’area della gomma che si trova a contatto diretto con l’asfalto. Le varie imperfezioni, il colore e le scanalature della gomma sono dei fattori variabili che vanno a condizionare enormemente la sicurezza generale della vettura, quindi anche quella dei passeggeri e del conducente. Secondo le normative europee, il battistrada si considera usurato quando la scolpitura del battistrada non supera la profondità di 1,6 mm. In questa situazione bisogna procedere con il cambio dei pneumatici. Per verificare lo stato di usura di un pneumatico ci si serve, generalmente, di un tassello di gomma profondo 1,6 mm. Nel momento che viene raggiunto il livello di questo tassello significa che la gomma va sostituita.

    Osservando di lato il battistrada è possibile individuare molto facilmente l‘indicatore di usura, il quale può essere identificabile attraverso la dicitura ‘TWI’, oppure con il logo del marchio o un triangolo. Diversi produttori di pneumatici impiegano per i propri prodotti anche indicatori intermedi, i quali segnalano quando le gomme non forniscono più le prestazioni migliori. ll calibro di profondità è un altro strumento utile per controllare l’usura della gomma, molto efficace e facilmente reperibile in tutti gli autoricambi, che serve a misurare la profondità delle scanalature del battistrada in più punti.

    Cosa fare in caso di gomma bucata?

    Nel caso vi capitasse di bucare una ruota mentre state guidando, è fondamentale agire in modo efficiente e veloce per effettuare il tutto in sicurezza. Innanzitutto cercate di mantenere la vostra traiettoria, diminuendo gradualmente la velocità. Quindi rientrate nella corsia di destra e posizionatevi in sicurezza,  in un luogo dove possiate fermarvi. L’importante è che la superficie dove vi trovate sia completamente piana e protetta, così da sostituire la gomma in tutta tranquillità. Ma come agire nel caso ciò avvenga in autostrada? Fate in modo di fermarvi in una zona di sosta, ma nel caso questa fosse troppo lontana, potete farlo nella corsia d’emergenza, per poi chiamare il soccorso stradale. Quando vi trovate in una situazione di emergenza, ricordatevi di spegnere la vettura, lasciando accese solamente le luci di emergenza, in modo da essere individuati dagli altri veicoli. Inoltre, dovrete indossare il giubbino catarifrangente e posizionare il triangolo di emergenza a 150 metri dall’auto. A questo punto potrete procedere con il cambio dello pneumatico o aspettare il soccorso stradale.

    Come cambiare lo pneumatico?

    Quando sarà scoppiata la gomma bisognerà, ovviamente, procedere con la sostituzione della stessa, con quella di scorta. Il tempo necessario per effettuare il cambio è variabile, infatti dipende dalla propria esperienza in queste situazioni e dalla situazione in cui ci si trova. Per effettuare la sostituzione dello pneumatico bucato basta seguire i seguenti passaggi:

    • Innanzitutto trovate una zona con superficie stabile, piana e sicura.
    • Azionate il freno a mano e inserite la retromarcia o la prima marcia.
    • Fatto ciò, dovrete posizionare il cric al di sotto del telaio, nelle vicinanze della gomma da cambiare, controllando che questo entri in contatto con la parte metallica del telaio.
    • A questo punto bisognerà sollevare il cric ad un’altezza necessaria per supportare l’auto senza alzarla da terra.
    • Fatto ciò eliminate il coprimozzo e allentate le viti dello pneumatico, ruotandoli in verso antiorario. Per fare ciò dovrete utilizzare o la chiave presente nel kit di emergenza, o quella tradizionale a croce.
    • In seguito, ruotate la manovella del cric, in modo da sollevare da terra la ruota e rimuovete tutte viti, svitandole del tutto.
    • A questo punto avrete smontato la ruota, quindi rimuovetela dall’auto ed inserite quella di scorta sul mozzo.
    • Per montare la nuova ruota bloccatela e cercate di stringere il più possibile le viti, fino a quando non ruoteranno più, sempre servendovi della chiave.
    • Una volta montata la ruota di scorta, riportate a terra l’auto e rimuovete in modo delicato il cric.

    Kit di riparazione per pneumatici bucati

    Sul mercato è possibile trovare una moltitudine di kit di riparazione per pneumatici bucati. Questi consistono in una miscela di fibre, che è in grado di riparare la gomma bucata andando a ‘tappare‘ il foro. Nonostante i vari produttori di questi kit dichiarano che generalmente i loro prodotti garantiscono altri due anni di vita alla gomma, sarebbe utile consultare il proprio gommista di fiducia per verificare lo stato degli pneumatici. Oltre ai kit utili per la riparazione del pneumatico, esistono altri che servono a prevenire un’eventuale foraggio della gomma. Solitamente questi prodotti vengono distribuiti all’interno degli stessi pneumatici, così da creare una sorta di tappo quando questi si bucano, impedendo la fuoriuscita dell’aria dalla gomma. I kit di riparazione per pneumatici sono costituiti, mediamente, da una bomboletta spray e da un compressore. Per attivare il compressore basta collegarlo alla presa accendisigari dell’auto, il quale aumenterà la pressione delle gomme una volta effettuata la riparazione.

    Il ruotino di scorta

    Fino a qualche anno fa, la stragrande maggioranza dei veicoli conteneva, nel proprio equipaggiamento, una ruota di scorta, mentre negli ultimi tempi è stata registrata la tendenza ad avere, al suo posto, un ruotino. Sicuramente si tratta di uno strumento molto comodo per il cambio degli pneumatici, anche se questo va sostituito con una gomma omologata e tradizionale il prima possibile. Il ruotino di scorta, infatti, non detiene la resistenza necessaria per percorrere molti chilometri. Questa guida serve per le situazioni d’emergenza, per non farci prendere alla sprovvista in caso di un evento improvviso, bisogna però ricordare che è buona norma, dopo un’emergenza, fare effettuare un controllo al proprio gommista di fiducia che verificherà lo stato dell’intero treno di gomme e valuterà la necessità di effettuare un cambio gomme. A tal proposito ricordiamo che sul web si incontrano moltissimi siti di vendita di pneumatici, come ad esempio Ingrosso Gomme, che uniscono la comodità di un’ampia gamma di scelta alla convenienza di prezzi concorrenziali. Ora sapete proprio tutto ciò che serve per cambiare una gomma in caso di emergenza!