More

    HomeNotizieCronacaAggredì avvocato all’esterno di un bar: rinvio a giudizio per un trentaquattrenne...

    Aggredì avvocato all’esterno di un bar: rinvio a giudizio per un trentaquattrenne di Cerignola

    Pubblicato il

    È stato disposto il rinvio a giudizio per il pregiudicato cerignolano che lo scorso 27 luglio ha aggredito un avvocato del Foro di Foggia fuori da un bar del capoluogo dauno. Il trentaquattrenne dovrà presentarsi davanti al giudice il 9 febbraio prossimo.

    Il capo d’accusa è quello di lesioni aggravate. La dinamica dei fatti è stata ricostruita grazie alle immagini della videosorveglianza esterna del locale: l’imputato, secondo la polizia, ha violentemente picchiato il professionista, pare anche servendosi di un tirapugni, colpendolo ripetutamente persino quando quest’ultimo era a terra. La diagnosi è stata di trauma cranio-facciale, con ferite escoriate e perforazione timpanica dell’orecchio sinistro, con una prognosi di 50 giorni. Sembra che nessuno dei presenti sia intervenuto per aiutare della vittima.

    Le indagini, condotte dalla Squadra Mobile e coordinante dalla Procura di Foggia, hanno consentito di identificare in poche settimane l’aggressore, un cerignolano con alle spalle diversi precedenti di polizia e già arrestato nel corso di un’indagine per un tentato omicidio avvenuto nell’aprile del 2018 ai danni di un concittadino. Su disposizione del GIP è stato poi sottoposto alla misura della custodia cautelare in carcere ad agosto e attinto il mese successivo dal ‘Daspo Willy’, che gli preclude l’accesso ai locali di intrattenimento della provincia per un anno. Adesso il trentaquattrenne cerignolano sarà chiamato a rispondere di quest’accusa in un processo nel quale si è costituita parte civile anche il Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Foggia.