More

    HomeEvidenzaSabato di comizi, bordate tra centrodestra e mettiani

    Sabato di comizi, bordate tra centrodestra e mettiani

    Pubblicato il

    «Non ci sono altre ‘Forza Italia’. Forza Italia è una e sta con il centrodestra a sostegno di Antonio Giannatempo». A dirlo chiaramente è il commissario regionale Mauro D’Attis intervenendo al comizio cittadino degli azzurri, il primo dei tre che si sono susseguiti durante la serata. «Stiamo consegnando il nostro programma in questi giorni in tutte le case – ha riferito Antonio Giannatempo -. Parla della possibilità veramente seria di svolta per la nostra comunità. Opportunità che noi vogliamo raccogliere appieno». E su Metta e l’incandidabilità l’ex-ginecologo è chiaro: «io non mi sarei candidato. Questa spada di Damocle potrebbe mettere nuovamente la città in ginocchio. Fra l’altro è giunta una nuova tegola. E’ notizia di queste ore che addirittura una sua lista, L’Altra Italia, è incappata in un altro processo giudiziario penale e anche questa è un’altra cosa veramente dolorosa per la città ma anche per lo stesso schieramento dell’ex sindaco sciolto per mafia».

    Da Forza Italia a Franco Metta, che ha arruolato nel suo schieramento due big, ex-forzisti, come Natale Curiello e Paolo Vitullo, quest’ultimo candidato. «La candidatura di Antonio Giannatempo è una candidatura che nel centrodestra non condivideva nessuno -ha detto dal palco Vitullo -. Il giorno dopo l’imposizione però tutti zitti. Ci hanno chiamato stampella di Metta. Oggi rivendichiamo la nostra presenza al fianco di Franco Metta perché Metta ha meritato la nostra fiducia. Ha amministrato bene, con un pragmatismo e una lucidità che in vent’anni non ho mai riscontrato. Per questo sono orgogliosamente candidato nella lista Metta Sindaco». Sull’incandidabilità invece ci ritorna Carlo Dercole. «Andavano di fretta e la sentenza di incandidabilità su Franco Metta l’hanno sbagliata. Il ricorso è fermo al secondo grado di giudizio. Per questo motivo non succederà proprio nulla, perché anche se andasse male la legge ti condanna all’incandidabilità per due turni successivi alla sentenza. Questo è italiano, successivi alla sentenza, caro Francesco Bonito – incalza l’ex-assessore allo sport -. La città è con noi, ha fiducia ancora in noi perché questi sono i fatti, non perché queste persone sono tutte mafiose. Ricordatelo».

    «Franco Metta è il miglior Sindaco che questa città abbia mai avuto» afferma seccamente Rino Pezzano, che, dopo l’esperienza nella lista “Con” alle regionali in sostegno di Michele Emiliano, è di nuovo al fianco dell’ex missino. «Dall’altra parte invece abbiamo un ex-sindaco incapace amministrativamente. Lo abbiamo testato 10 anni. Francesco Bonito, che pensava di non dover neppure fare le elezioni. Si sentiva già sindaco perché aveva fatto tre calcoli sbagliati: che Metta non fosse candidato, che il centrosinistra sarebbe andato da lui unito, che Giannatempo non si sarebbe candidato. Oggi è spaesato, sembra venuto da Marte perché lui la città non l’ha mai vissuta. Ha fatto il parlamentare ma nessuno se s’è accorto. Le nuove generazioni non lo conoscono nemmeno. Michele Emiliano dice che sono stato il miglior vice sindaco di Puglia. E’ ovvio dunque che Metta è stato il miglior sindaco di Puglia, perché mi ha scelto e perché mi ha messo in condizione di lavorare bene». La conclusione del penalista cerignolano è di richiamo per l’elettorato. «Il 4 ottobre non è importante per me, è importante per Cerignola – dice Metta -. Dobbiamo diventare un caso nazionale, devono arrivare gli inviati di tutte le testate giornalistiche per capire cosa è successo a Cerignola. Perché dopo che lo abbiamo massacrato questo cristiano, dopo che lo abbiamo tenuto 30 mesi intercettato, come è successo che questo sia resuscitato. E intorno a me c’è il meglio della classe politica cerignolana. I prossimi cinque anni devono essere quegli anni in cui ristabiliamo la verità su questa città. Siamo un grande popolo, una grande comunità. Fidatevi, seguiteci. Abbiamo l’obiettivo di far rinascere questa città. Ho molta fiducia, sono convinto che ce la faremo. Sentendo l’aria, io sento un forte profumo di vittoria».

    La chiosa della serata è per Francesco Disanto, che alle 22 circa sale sul palco. Pochi i presenti, probabilmente anche a causa dell’ora. «Siamo gli unici a parlare di programmi» dice l’ex-renziano, che imposta il suo intervento sulle differenze con gli altri candidati. «Sono il nuovo Giuseppe Di Vittorio e da anni sono al servizio della città, dei più deboli, impegnato per l’ambiente, i fumi tossici e per l’ospedale».

    5 COMMENTS

    1. -traffici di droga e armi
      -furti e cannibalizzazione di auto.
      – assalti a portavalori
      – rapine in ogni zona Italia
      – camion e ricettazione di ogni tipo
      – tentativi di corruzione
      – invasione di rifiuti, aria sporca e malattie
      -episodi di violenza ovunque

      Ma second frang mett a Cerignola ve tutt appost.

    Comments are closed.

    Ultimora

    L’Aps ‘Sud Music’ e l’Istituto “Di Vittorio-Padre Pio” in campo insieme per il progetto “Musicando”

    «Un progetto che, attraverso il ‘fare musica insieme’, intende promuovere e favorire tra i...

    Juan Ignacio Iliev ha vinto il terzo Open Fmishop di tennis allo Sporting Club di Cerignola

    Si è concluso il Terzo Open Fmishop presso lo Sporting Club di Cerignola: nove...

    Cerignola, Monsignor Domenico Battaglia ospite della parrocchia Sant’Antonio da Padova

    Ha avuto luogo nel tardo pomeriggio di martedì 11 giugno, nel salone “Monsignor Nicola...

    Due nuovi eventi di Giuseppe Amorese tra Roma e Pesaro

    A distanza di poche settimane, due eventi che vedono protagonista l’arte di Giuseppe Amorese....

    Venerdì 14 giugno nuova seduta del Consiglio comunale di Cerignola

    Il Presidente del Consiglio ha convocato il Consiglio comunale, in seduta ordinaria, per venerdì...

    Anticipazioni delle partite: gli avversari dell’Italia nella fase a gironi di Euro 2024

    La sfida per l'Italia all'EURO 2024 sarà ardua, specialmente dopo il trionfo nel 2020....

    Altro su lanotiziaweb.it

    L’Aps ‘Sud Music’ e l’Istituto “Di Vittorio-Padre Pio” in campo insieme per il progetto “Musicando”

    «Un progetto che, attraverso il ‘fare musica insieme’, intende promuovere e favorire tra i...

    Juan Ignacio Iliev ha vinto il terzo Open Fmishop di tennis allo Sporting Club di Cerignola

    Si è concluso il Terzo Open Fmishop presso lo Sporting Club di Cerignola: nove...

    Cerignola, Monsignor Domenico Battaglia ospite della parrocchia Sant’Antonio da Padova

    Ha avuto luogo nel tardo pomeriggio di martedì 11 giugno, nel salone “Monsignor Nicola...