More

    HomeNotizieRegioneTempesta perfetta sull’olivicoltura, Cia Puglia e OP pugliesi: “Svolta o catastrofe”

    Tempesta perfetta sull’olivicoltura, Cia Puglia e OP pugliesi: “Svolta o catastrofe”

    Pubblicato il

    Una svolta nell’affrontare e nel risolvere i problemi dell’olivicoltura pugliese altrimenti il motore trainante dell’agricoltura regionale potrebbe spegnersi. È quanto chiede, unita, la produzione olivicola organizzata della Puglia dopo l’audizione della quarta commissione consiliare. Le più importanti organizzazioni di produttori regionali e nazionali per numero di soci e fatturato (Oliveti Terra di Bari, Associazione Provinciale degli Olivicoltori di Foggia, APOL Lecce e Assoproli Bari), in sinergia con Cia Puglia, hanno presentato all’assessore Pentassuglia un decalogo di richieste per denunciare e risolvere i problemi che attanagliano il settore.

    In particolare, Cia Puglia e le Op chiedono di introdurre, da subito, per ridurre i flussi illegali di olio e olive, la registrazione immediata sul portale SIAN di tutte le movimentazioni di prodotto fuori provincia, oltre alla riduzione del tempo massimo per la registrazione sul portale SIAN della trasformazione delle olive, e alla strenua difesa rispetto all’agguerrita concorrenza straniera, e per questo motivo invocano anche incontri con Agea e Repressione frodi. Chiesti inoltre interventi per sostenere gli olivicoltori nell’affrontare l’incremento dei costi energetici resisi necessari per sostenere le produzioni in un anno caratterizzato da particolare siccità, e il sostegno a programmi di tracciabilità, di identificazione della qualità e di sicurezza alimentare promossi dagli operatori pugliesi.

    L’olivicoltura pugliese, nel 2021, è stata messa in ginocchio da quella che può definirsi una crisi epocale, frutto di una vera e propria ‘tempesta perfetta’ causata da: basso prezzo delle olive e dell’olio, resa inferiore alla media, grandi difficoltà nel reperire la manodopera necessaria al raccolto. Si vende a 35-40 euro al quintale, anche nelle zone più a sud della regione messe in ginocchio dalla Xylella, mentre il primo olio prodotto ha una quotazione che oscilla fra i 3,80 euro e i 4 euro al litro. La qualità dell’extravergine appare eccellente in tutta la Puglia, ma si registra il 12-13% di resa (12-13 kg di olio per ogni 100 chilogrammi di olive) contro una media degli ultimi anni del 15-16%. “La situazione è molto difficile e auspichiamo interventi concreti della Regione per sostenere il comparto agricolo più importante della Puglia”, concludono Cia Puglia e le Op.

    1 COMMENT

    1. bhe visto che ci siamo:
      1. nessuna azienda fa i contratti che sono obbligatori per legge prima della raccolta del prodotto, lo fanno tutti a posteriori.
      2. sono proprio i “grandi” oleifici ad abbassare le rese ( qualche anno fa FECI MOLIRE le olive da un “grande” oleificio che fece uscire una resa DELL’11%, IMPOSSIBILE LE STESSE OLIVE FECERO UNA RESA DEL 16% DA UN ALTRO PICCOLO OLEIFICIO). UN CONTROLLO PER VERIFICARE CHE NON CI SIANO TRUFFE IN QUSTO SENSO MAI FATTO DA PARTE DI NESSUNO.
      3. DAI FONDI DEL PNR POTRESTE IMPEGNARE UNA PICCOLA PARTE PER TUTELARE TUTTO L’OLIO PUGLIESE CREANDO UN CONSORZIO REGIONALE CHE RITIRI LE OLIVE AD UN PREZZO CHE NON PUò ESSERE INFERIORE AI COSTI DI PRODUZIONE. IL MERCATO SI REGOLERà DI CONSEGUENZA.
      POI A TUTTI I GIORNALISTI CHE PARLANO SEMPRE DI CAPORALATO. ORA CHE C’è VERAMENTE BISOGNO DOVE SONO LE VOSTRE COMPETENZE GIORNALISTICHE? APPROFONDITE IL DISCORSO. A QUESTI PREZZI L’ANNO PROSSIMO NON VERRA ASSUNTO NESSUNO PER I LAVORI NEGLI OLIVETI. METTIAMOLA COSì.

    Comments are closed.

    Ultimora

    Procuratore Bari, «Puglia nuova terra dei fuochi»

    «Parlare della Puglia come di nuova terra dei fuochi è un dato di realtà,...

    Questione ruolo Savino Bonito, Metta si rivolge al Prefetto e al Garante della Protezione Dati

    Secondo dichiarazioni rilasciate negli ultimi giorni da un consigliere comunale di maggioranza e trapelate...

    L’importanza del filtro dell’olio: quando sostituirlo?

    Come riconoscere le problematiche legate al filtro dell’olio? È una delle componenti più importanti...

    I bookmaker non AAMS e la legge italiana: cosa bisogna sapere

    Immergersi nel vasto e complesso universo del gambling online è un'avventura che richiede non...

    Audace Cerignola, indetta la “giornata gialloblù” in occasione del match con l’Avellino

    L’Audace Cerignola si tuffa nel rush finale della stagione regolare, per cercare di ottenere...

    “Pietra di Scarto” presenta “Sfruttamento e Caporalato in Italia” a cura di Marco Omizzolo

    Si svolgerà venerdì 1° Marzo a partire dalle ore 18.30 presso Palazzo Fornari a...

    Altro su lanotiziaweb.it

    Procuratore Bari, «Puglia nuova terra dei fuochi»

    «Parlare della Puglia come di nuova terra dei fuochi è un dato di realtà,...

    Questione ruolo Savino Bonito, Metta si rivolge al Prefetto e al Garante della Protezione Dati

    Secondo dichiarazioni rilasciate negli ultimi giorni da un consigliere comunale di maggioranza e trapelate...

    L’importanza del filtro dell’olio: quando sostituirlo?

    Come riconoscere le problematiche legate al filtro dell’olio? È una delle componenti più importanti...