More

    HomeNotizieAttualitàAics, lo sport nazionale premia l'azienda ArteAgricola di Cerignola: «Trasparenza come fattore...

    Aics, lo sport nazionale premia l’azienda ArteAgricola di Cerignola: «Trasparenza come fattore di successo»

    Il riconoscimento ritirato a Roma il 3 dicembre dal fondatore e amministratore Massimo Borrelli

    Pubblicato il

    Va all’azienda Arteagricola (Cerignola, Foggia), specializzata nella produzione della pasta da grani antichi, il premio Trasparenza assegnato dall’AiCS-Associazione italiana cultura sport che con oltre 1 milione e centomila soci è fra i maggiori enti di promozione sportiva certificati dal Coni. Il riconoscimento è stato assegnato sabato 3 dicembre 2022 nel corso di una cerimonia presso l’hotel Colombo di Roma, alla presenza di Andrea Nesi, coordinatore nazionale di AiCS Ambiente. Si tratta della quarta edizione del premio assegnato a personalità del mondo dell’imprenditoria, del giornalismo, ma anche ad enti pubblici e privati in grado di fare la differenza per scelte improntate alla sostenibilità ambientale e alla responsabilità sociale.

    Il premio AiCS Ambiente, articolato in diverse sezioni, ha premiato quest’anno un parterre di fuoriclasse dai connotati autenticamente green. Dal comune altoatesino di Malles, premiato per la guerra dichiarata ai pesticidi sul proprio territorio, al direttore della Banca del Germoplasma del CNR Gaetano Laghetti, campione di resistenza e custode di un paniere a garanzia del futuro alimentare dell’umanità, passando per l’azienda agricola pugliese Arteagricola, in nome e per conto della quale ha ritirato il premio il fondatore e amministratore Massimo Borrelli. “Siamo felici e orgogliosi che l’AiCS abbia riconosciuto nel nostro lavoro un principio fondante e una operatività improntati alla trasparenza – ha dichiarato Borrelli –. Un valore carico di concretezza che si traduce nel fornire al consumatore tutti gli strumenti per poter scegliere, dunque una libertà autentica”. Il riferimento, nel concreto appunto, è al Qr code che per ogni singola confezione di pasta marchiata Arteagricola, fornisce nel dettaglio il “diario del campo”, una narrazione in tempo reale che restituisce al consumatore informazioni dettagliate sui prodotti: dalla geolocalizzazione dei campi alle analisi multi residuali e nutrizionali della pasta, passando per tutti gli stadi evolutivi dalla semina al raccolto e a ogni singola fase di lavorazione del grano fino al prodotto finito.

    “Essere imprenditore sottintende la presenza del rischio, è banale ribadirlo. Ma ci sono casi in cui il rischio è accompagnato anche da dubbi sugli ambiti di operatività scelti”, ha dichiarato Nesi, “Ecco, è in questo caso che emerge la figura dell’imprenditore ‘visionario’ che, appunto, vede cose che altri non riescono a vedere, quantomeno non così nitidamente. Questa categoria di imprenditori è vitale per innovare, esplorare piste non battute, attribuire una giusta collocazione al tema del profitto. Aver scelto il Sociale e l’Ambiente come ambito d’azione ‘core’ la rende meritevole, attraverso la Sua impresa, secondo la nostra commissione di valutazione, del massimo sostegno possibile”.

    Questo slideshow richiede JavaScript.