More

    HomeNotizieCultura“Chi possiede i frutti della terra”: “Pietra di Scarto” presente il nuovo...

    “Chi possiede i frutti della terra”: “Pietra di Scarto” presente il nuovo libro di Fabio Ciconte

    Pubblicato il

    Si svolgerà venerdì 27 maggio alle ore 18.30 presso la libreria “L’Albero dei fichi” (Via Pavoncelli, 77 a Cerignola) la presentazione del libro “Chi possiede i frutti della terra”, ultima fatica editoriale di Fabio Ciconte, Direttore di “Terra! Onlus”, edito da Laterza. L’appuntamento è inserito all’interno del Progetto “Il viaggio di un pomodoro”, realizzato dalla Cooperativa Sociale “Pietra di Scarto” con il sostegno della Regione Puglia grazie alla Legge Regionale 32/14 per il sostegno e la diffusione del commercio equo e solidale, in collaborazione, oltre che con la libreria, con una rete di partner territoriali come il V Circolo Didattico “Don Giuseppe Puglisi” di Cerignola, l’I.C. “Aldo Moro” di Stornarella e l’I.T.E.T. “Dante Alighieri” di Cerignola. Dopo “Il Grande Carrello”, scritto in coppia con Stefano Liberti, e “Fragole d’inverno”, Ciconte continua la sua analisi del mercato agro alimentare e delle sue derive con un libro che parte da una domanda “Chi sceglie la frutta e la verdura che mangiamo?”.

    Durante la lettura si scopre come mangiamo poche specie vegetali e pochissime varietà, tutte uguali le une alle altre. Esteticamente perfette. È un fatto naturale? Assolutamente no. È un fatto neutro e senza conseguenze? Assolutamente no. Nel corso dell’ultimo secolo si è perso il 75% delle piante e dei frutti commestibili a favore di varietà esteticamente perfette. Le mele che acquistiamo al supermercato sono, infatti, il risultato di una selezione genetica che le ha rese identiche le une alle altre. Il kiwi giallo o l’uva senza semi che hanno invaso i mercati, sono gestiti da potenti club che oggi decidono chi e come può coltivare frutta sotto brevetto. Pochi e potenti gruppi industriali hanno estromesso dal mercato altre varietà, riducendo drammaticamente l’agrobiodiversità e imponendo un modello produttivo che ha radicalmente trasformato l’agricoltura, rendendo i coltivatori dei semplici licenziatari. Una inchiesta sul campo che, per la prima volta, mette in luce le nuove forme di controllo del cibo e i rischi per la biodiversità. Un appuntamento da non perdere per capire davvero “chi possiede i frutti della terra”. L’iniziativa è inserita all’interno del programma cittadine del “Maggio dei libri”.
    Per informazioni: 0885/413830 progetti@pietradiscarto.it

    LEAVE A REPLY