More

    HomeEvidenzaCittadinanza onoraria per gli stranieri che concludono un ciclo di studi, Cerignola...

    Cittadinanza onoraria per gli stranieri che concludono un ciclo di studi, Cerignola accelera sullo ius soli

    Pubblicato il

    A Cerignola lo ius soli diventa realtà: tutti i minori stranieri che abbiano concluso un ciclo scolastico o un percorso professionale, e che siano nati da una famiglia regolarmente residente nel Comune di Cerignola, saranno insigniti della cittadinanza onoraria. È questo quanto ha deliberato a maggioranza il consiglio comunale di Cerignola, nella seduta di ieri, approvando la proposta del vicesindaco e assessore ai servizi sociali Maria Dibisceglia. “Con la delibera di oggi – commenta Dibisceglia- istituiamo un apposito regolamento per la cittadinanza onoraria per tutti i minori stranieri residenti a Cerignola, nati in Italia da genitori stranieri regolarmente soggiornanti o nati all’estero, ma che abbiano completato almeno un ciclo scolastico o un percorso di formazione professionale in istituti appartenenti al sistema educativo di istruzione di formazione italiano, come speciale forma di riconoscimento del loro ruolo di coesione tra popoli e culture diverse e per affermare pienamente le libertà fondamentali delle persone”.

    “Vogliamo che i ragazzi che frequentano le nostre scuole si sentano a tutti gli effetti cittadini cerignolani. È un atto politico e di civiltà – rimarca il vicesindaco- soprattutto ora, in un momento in cui il governo nazionale fa il pugno duro sul tema dei migranti, lasciando in mare centinaia di uomini donne e bambini che cercano accoglienza”. “Cerignola oggi riconosce il principio dello ius soli come mezzo di acquisizione della cittadinanza onoraria affermando con forza il principio costituzionale di uguaglianza perché – spiega il sindaco Francesco Bonito- tra i nostri obiettivi programmatici vi è quello dell’eliminazione di ogni forma di discriminazione, garantendo così ai bambini e ai ragazzi la possibilità di vivere in una città capace di annullare ogni stupido pregiudizio riguardante la religione, l’etnia o convincimento personale”.

    “Cerignola è da sempre terra di diritti ed è in questo solco che – conclude il primo cittadino-si inserisce questa delibera che insegue e fa concretamente suo il diritto all’uguaglianza. Chiediamo pertanto alle Istituzioni nazionali di tornare a parlare di una riforma che non può essere affrontata attraverso twitt o tramite slogan. La migrazione di massa è un fenomeno epocale con cui dover fare i conti in maniera seria, programmatica, a partire dagli enti locali. Per questo invito i miei colleghi sindaci ad accogliere il nostro deliberato e farlo proprio, per accelerare un percorso che altrimenti sarebbe ingabbiato tra mura ideologiche”.