More

    HomeNotizieAttualitàIl ricordo del prof. Domenico Tomasicchio, pilastro dello sport cerignolano

    Il ricordo del prof. Domenico Tomasicchio, pilastro dello sport cerignolano

    Ha avuto il merito di costituire la prima società di basket ofantina, la Helios, riportando successi a livello regionale

    Pubblicato il

    La scomparsa due giorni fa del professor Domenico Tomasicchio ha privato la città di Cerignola di un autentico pilastro dello sport, una figura che ha precorso i tempi nelle sue molteplici sfumature: come insegnante, istruttore, dirigente. Tutti lo conoscevano come Mimì, docente di Educazione Fisica prima al Liceo Classico “Zingarelli”, poi all’Istituto Agrario “Pavoncelli”, è stato uno degli antesignani nell’aprire e gestire una palestra, potendo vantare il diploma conseguito all’Isef di Napoli, cosa abbastanza rara qualche decennio fa. Una attenzione peculiare all’attività fisica e alla salute in generale, poiché il prof. Tomasicchio ha introdotto quella che oggi si chiama ginnastica posturale, dedicandosi per primo alla cura e al miglioramento delle deformità della colonna vertebrale.

    Oltre a ciò, il suo merito maggiore è stato aver puntato e diffuso in città la pratica del basket: la sua società, la Helios, per un decennio circa (dal 1974 al 1985) è stato un punto di riferimento a livello regionale, conquistando numerosi traguardi. Il culmine agli inizi degli anni ’80, quando venne conquistata la promozione in serie D e negli anni a seguire si è sfiorato anche il salto in C. Un periodo garibaldino ma assai proficuo in cui – non ancora disponibile il palazzetto -, le partite venivano giocate nella struttura coperta ancora oggi presente allo stadio “Monterisi” adiacente agli spogliatoi: genuinità, romanticismo e voglia di fare in uno sport al quale in tanti si sono via via affacciati, fra cui ad esempio Rosario Saracino, poi tecnico di Udas prima e Olimpica poi.

    Conclusa l’esperienza cestistica, Tomasicchio si è dedicato interamente alla conduzione della sua palestra: diverse le generazioni passate fra attrezzi e pesi, numerosissimi gli istruttori formati col passare del tempo anche grazie all’impianto della piscina. Il testimone è passato nelle mani del figlio Valerio, continuando la tradizione di famiglia. Domenico Tomasicchio ha dedicato la sua esistenza alla diffusione del benessere e del gioco con passione, competenza e lungimiranza: il suo nome resterà scolpito nelle pagine principali degli annali sportivi del panorama ofantino. (foto concesse dalla famiglia Tomasicchio)