More

    HomeNotiziePoliticaInsulti sessisti ai familiari del sindaco: “Superato il limite, metodi medievali”

    Insulti sessisti ai familiari del sindaco: “Superato il limite, metodi medievali”

    Pubblicato il

    “È vergognoso e inaccettabile che nel 2022 si attacchi una donna per una minigonna o un tacco. Ed è ancora più squallido che questi attacchi provengano da chi ha rappresentato, indegnamente, le istituzioni della città. È indecente che, per criticare un sindaco, si offendano pesantemente moglie, figli e affetti più cari”. Con queste parole gli assessori della giunta comunale – Rossella Bruno, Teresa Cicolella, Maria Dibisceglia e Olga Speranza -stigmatizzano gli insulti, a mezzo social, rivolti dal consigliere Metta ai familiari del primo cittadino. “Attaccare una moglie, totalmente estranea alle dinamiche amministrative, per semplice bagarre politica è un atto ignobile e se per farlo – osservano gli assessori- si utilizzano metodi sessisti e volgari, allora dobbiamo chiederci se non si sia oltrepassato il limite. Siamo sempre stati dalla parte delle donne, abbiamo da sempre portato avanti iniziative che eliminassero disuguaglianze e abbiamo in ogni occasione condannato l’aggressività verbale, che generalmente è anticamera di altro: per questo- da donne, mamme, amministratrici, esseri umani- riteniamo irricevibili le volgarità lanciate sui social da Metta e sostenute dal suo gruppo politico formato da Donofrio, Pezzano e Vitullo, ormai assuefatti ad ogni tipo di oscenità del loro nuovo mentore”.

    “In mancanza di qualsivoglia argomentazione politica sull’attività amministrativa- proseguono gli assessori- da giorni assistiamo ad un crescendo di diffamazioni, calunnie e accuse prive di qualsivoglia fondamento: non paghi di ciò, gli esponenti del movimento politico ‘Avanti’ adesso si lanciano in attività di cattivo gusto e pericolose”, commentano dalla giunta. “Non ci accorgiamo di certo adesso di quanto basso sia il livello di una certa parte politica, ma se per racimolare qualche voto si attacca una moglie- concludono Bruno, Cicolella, Dibisceglia e Speranza- allora rivolgiamo un invito alla cittadinanza a ribellarsi a questo modo cavernicolo di trattare e considerare le donne. Siamo nel 2022 e non permetteremo a nessuno di riportarci al Medioevo. Ci attiveremo in ogni sede per porre fine all’indecenza di Metta e dei suoi consiglieri plaudenti”.

    3 COMMENTS

    1. In forte espansione l’aumento di gente inutile in questa Città, “Ratavidd” ha rivoluzionato, peggiorato la civiltà di Cerignola ha portato in carica tutti i suoi vichinghi lui prosperava tutta la vita ha fare il sindaco ma se sei il capo indiscusso dei “rozzi” passa la fine dei tuoi anni in una casa di riposo,”Ratavidd” mi ricorda tanto quel film ’86 “il camorrista” con l’attore Ben Gazzara lo chiamavano “il professore”